HOME PAGE | LE NEWS DI OF | VIDEO | OFNEWS | MAGAZINE DI OF | CLASSIFICHE | OFTRAVEL Untitled | Log In | Log Out | Registra 
 OSSERVATORIO FINANZIARIO |  HOME BANKING | MUTUI | IMMOBILIARE | PRESTITI | CONTI CORRENTI | PREPAGATE | INVESTIMENTI

Per disattivarsi dalla mailing list OFNEWS clicca qui – Per disattivarsi dalla mailing list OFNEWS1 clicca qui – Per iscrivere un amico clicca qui – Per comunicare con la redazione clicca qui
OF NEWS E' ORA IN VERSIONE MOBILE
CLICCA QUI!
Oppure visita dal tuo dispositivo mobile www.ofnews.tv
Compatibile con iPhone, iPad, Android e BlackBerry. Se leggi questa newsletter in versione cartacea, puoi usare il qrcode per accedere alla versione mobile.
USCITA DI LUNEDì 24 NOVEMBRE 2014
COVER STORY
Report Raitre
Il 6 marzo 2013 muore, cadendo dalla finestra del suo ufficio, David Rossi, capo della comunicazione del Monte dei Paschi di Siena. La Procura di Siena apre immediatamente un’inchiesta per istigazione al suicidio, archiviata un anno dopo. La moglie di David Rossi non crede alla volontarietà del gesto e sono molti i dubbi che Report passa in rassegna, dalla dinamica della caduta alle forti pressioni che stava vivendo il marito, sino ai particolari della perizia legale e alle “stranezze” accadute nei minuti seguenti la morte di Rossi. La banca più antica del mondo è stata travolta da uno scandalo finanziario senza precedenti. Dall’acquisto di Antonveneta, nel novembre del 2007, una serie di operazioni spericolate portano l’istituto senese sull’orlo del tracollo. Il cosiddetto Sistema Siena, una rete a maglie fitte costituita da politica, finanza, istituzioni e massoneria, che per anni ha governato la città, si è sgretolato. La magistratura di Milano e Siena indaga. A finire sotto inchiesta sono gli ex vertici del Monte dei Paschi. (video e testo completo)
ECONOMIA & FINANZA
la Repubblica — Federico Fubini
GLI esami europei sulle banche sono passati da un mese e, in teoria, ormai doveva essere iniziata una navigazione più calma: la vigilanza ora passa alla Bce, a velocità di crociera. Invece sta accadendo l'opposto. La svolta per il mondo del credito in Italia (e non solo) si sta rivelando più radicale del previsto. Alle banche minaccia di portare nuovi ammanchi di capitale fino a 16 miliardi, per le famiglie e le imprese un prolungamento della stretta al credito e per il governo una novità altrettanto seria: il declino (già iniziato in questi mesi) del modello italiano tradizionale, quello nel quale gli istituti cooperano con il governo investendo in dosi sempre più massicce di titoli del debito pubblico. A partire dal prossimo anno, sempre di più il Tesoro dovrà trovare compratori diversi per i suoi Btp, Cct o Ctz e le altre obbligazioni dello Stato.
la Repubblica
A "fare la spia", nell'ultima relazione trimestrale al 30 settembre, è Ubi Banca. Che rivela che è in corso una tornata di accertamenti ispettivi "di sistema" da parte della Banca d'Italia, da quel che si apprende programmati già da tempo, che riguarda i maggiori gruppi del credito italiani e che verte sul tema delle politiche di remunerazione e di incentivazione, per capire se siano o meno applicate le regole. In Ubi Banca, in particolare - come si scopre dalla trimestrale - l'ispezione ha preso il via il 3 ottobre scorso, vale a dire poco prima degli esiti degli stress test della Banca centrale europea (Bce), giunti a fine mese e dai quali la Popolare lombarda è uscita con un surplus di capitale di 1,76 miliardi, considerando tutte le misure di rafforzamento patrimoniale introdotto nell'anno in corso.
Il Sole 24 Ore
La Banca centrale europea ha iniziato ieri gli acquisti di titoli cartolarizzati (Abs), il terzo degli interventi annunciati a settembre per espandere il bilancio della banca e contrastare in questo modo l'inflazione eccessivamente bassa, ora che i tassi d'interesse sono scesi praticamente a zero. Le operazioni sugli Abs, insieme agli acquisti di obbligazioni bancarie garantite (covered bond) e ai finanziamenti quadriennali a bassissimo costo alle banche, mirati alla concessione di prestiti all'economia reale (Tltro), dovrebbero, nelle intenzioni della Bce, riportare entro due anni il bilancio ai livelli di inizio 2012, quindi attorno a 3mila miliardi di euro, dai 2mila attuali. Un'aspettativa, non un obiettivo, ha precisato il presidente della Bce, Mario Draghi, ma che secondo molti osservatori di mercato difficilmente verrà soddisfatta senza l'acquisto di titoli pubblici.
Il Sole 24 Ore
Per la ripresa, vera, degli impieghi ci sarà da attendere il primo trimestre del 2015, stando alle stime Abi diffuse in settimana. Tuttavia, nel frattempo le banche italiane si preparano a mettere altro fieno in cascina con la seconda asta T-Ltro della Bce, fissata per l'11 dicembre: secondo le cifre raccolte da Il Sole 24 Ore, complessivamente – tra importi già dichiarati e stime preliminari – le principali banche italiane (più il sistema delle Bcc, coordinato da Iccrea) si preparano a chiedere a Francoforte oltre 25 miliardi.
Il Sole 24 Ore
Le principali banche italiane (e il sistema delle Bcc) alle Tltro. Aste di settembre e di dicembre e totale 2014. Dati in miliardi (innografia)
Milano Finanza
Dopo gli esami della Bce, per le banche italiane è tornato d’attualità il tema delle aggregazioni. Un argomento oggi più oggetto di speculazioni che di progetti operativi, come dimostrano le dichiarazioni pubbliche rilasciate dai banchieri. Il numero uno della Bpm, Giuseppe Castagna, ha ammesso per esempio di non vedere «traccia di quell’ondata di aggregazioni che era stata prospettata». Tanto più che, con le eccezioni di Banca Carige e Montepaschi, il comprehensive assessment ha certificato una situazione di maggiore tranquillità sotto il profilo patrimoniale. Oggi semmai l’attenzione degli istituti di credito si è spostata sul fronte della redditività, messa a dura prova in un contesto economico caratterizzato da tassi ridotti, scarsa domanda di finanziamenti e cattiva qualità del credito
Milano Finanza
“L'entrata in vigore del regolamento che istituisce il meccanismo unico di vigilanza attribuendo alla Bce e alle Autorita' nazionali competenti le funzioni di supervisione bancaria apre una fase del tutto nuova. Inevitabile e in linea di principio positiva, ma preoccupante per il taglio che regole primarie, standard tecnici e principi di vigilanza hanno assunto". Così ha commentato la nuova fase aperta con l’avvento della Vigilanza bancaria unica a livello europeo da parte della Bce Alessandro Azzi, il presidente di Federcasse, nel corso dell’assemblea dell’associazione delle banche di credito cooperativo
il Fatto Quotidiano
Distruzione di denaro a mezzo di denaro. La vera specialità della grandi banche italiane trova compiuta espressione nella vicenda dell’autostrada Brescia-Padova, la più florida d’Italia. La banca Intesa Sanpaolo, che ne controlla il 51 per cento, ha deciso di venderla alla concessionaria autostradale spagnola Abertis, che da anni cerca il modo di entrare nell’interessante mercato italiano: pur nell’instabilità politica, c’è sempre un governo pronto a fare regali ai signori del casello. La trattativa da mesi va avanti lentamente perché intorno a quei 180 chilometri di asfalto stanno esplodendo una serie di contraddizioni che meritano di essere osservate.
il Fatto Quotidiano
Informalità, confidenze, favori, informazioni riservate. L’inchiesta milanese su Unipol-FonSai ha gettato un pizzico di luce sui rapporti tra controllori e controllati e quel poco che si vede non è tranquillizzante. All’epoca dell’annuncio dell’operazione destò scandalo il fatto che il presidente della Consob, Giuseppe Vegas, avesse avuto un incontro informale con l’amministratore delegato di Mediobanca, Alberto Nagel, per informarlo che se non fossero stati modificati i termini, l’autorità di vigilanza non avrebbe potuto dare il via libera all’acquisizione. Un doppio scandalo, sia perché non è opportuno che il presidente di un’Authority abbia questo genere di interlocuzioni con i soggetti vigilati, sia perché formalmente Mediobanca non giocava alcun ruolo in commedia a parte quello di grande creditore del gruppo Ligresti e della stessa Unipol e di coordinatore dei consorzi di garanzia per i due aumenti di capitale. Sia Unipol sia i Ligresti avevano i loro consulenti finanziari e legali e tecnicamente erano gli unici soggetti titolati a trattare e discutere le condizioni e a interloquire con le Autorità di Vigilanza
il Fatto Quotidiano
Tanto tuonò che piovve. E così, dopo una pioggia di notizie e polemiche, le nomine e le assunzioni disinvolte della gestione Vegas della Consob sono finite sul tavolo della procura di Roma che indaga il monarca della vigilanza dei mercati finanziari per abuso d’ufficio. A darne notizia è stato il Corriere della Sera secondo il quale la chiusura dell’inchiesta avviata nel febbraio 2013 dopo le denunce di Adusbef, Federconsumatori e sindacati interni, è attesa entro fine mese. Nel mirino del pubblico ministero Giuseppe Deodato vicende note alle cronache come la scelta del direttore generale Gaetano Caputi, ma anche la chiamata diretta della responsabile della segreteria di presidenza della Commissione, Francesca Amaturo e la scelta di Luca Cecchini per lo staff incaricato della comunicazione e dei rapporti con la stampa
Il Sole 24 Ore
Mandato al presidente di Telecom Italia, Giuseppe Recchi, e all'ad, Marco Patuano, per approfondire le ipotesi di crescita in Brasile. Questa la decisione presa dal cda di Telecom che si e' riunito a Roma. Lo si apprende da fonti vicine al dossier. In tarda serata e' atteso un comunicato dell'azienda dopo la chiusura delle Borse negli Usa e in Brasile
AFFARI PERSONALI
Milano Finanza
In spolvero le banche del principale listino milanese con Banco Popolare in crescita del 5,41%, Bpm del 4,21%, Bper del 5,40%, Ubi Banca del 4,42%, Mediobanca del 3,37%, Intesa Sanpaolo del 4,88%, Unicredit del 5,58% e Mps del 2,21%. Finecobank, titolo della banca diretta multicanale del gruppo Unicredit, ha aggiornato i nuovi massimi a 4,486 euro, chiudendo con un rialzo dell'1,78% a 4,47 euro. Il debutto sull'Mta era avvenuto lo scorso 2 luglio al prezzo di 3,7 euro. Eni è salita del 4,69% a 17,19 euro e per gli analisti di Nomura (rating reduce sul titolo e prezzo obiettivo tagliato da 11 a 10 euro) sono tre gli scenari possibili per il futuro di Saipem (+0,75% a 13,35 euro): il collocamento del 43% della quota sul mercato, una diluizione della partecipazione attraverso una fusione o una sorta di spezzatino delle attività della controllata
Milano Finanza
Wall Street estende i guadagni grazie alla corsa agli acquisti innescata dal taglio del costo del denaro in Cina e dalla promessa di nuove misure di politica monetaria da parte della Bce. L'indice S&P 500 sale dello 0,76% a 2.068 punti, dopo aver toccato in apertura un nuovo record a 2.071 punti. Il Dow Jones segna un +0,76% a 17.853 punti, dopo un nuovo massimo storico a 17.894 punti, e il Nasdaq un +0,74% a 4.763 punti.
Corriere della Sera
Chi ha avviato una locazione di un ufficio a Milano cinque anni fa, paga dal 17,6% al 28,7% in più di chi lo stesso immobile lo prendesse in affitto oggi. Un po’ più basso il divario nei negozi: si va dal 16,1% in centro (escludendo le strade top dove invece i canoni sono cresciuti) al 21,7% nelle zone semicentrali. Nella altre grandi città lo scenario non cambia: limitando l’analisi ai maggiori capoluoghi del Nord si evidenziano scostamenti anche superiori al 35% come a Padova. A questi valori si arriva sommando la variazione, ovunque negativa e ricavabile dai dati storici di Nomisma, dei canoni alla rivalutazione che gli affitti avviati cinque anni fa hanno registrato per effetto dell’adeguamento annuale Istat, pari nel periodo al 6,62%
Il Sole 24 Ore
«Dopo i ribassi registrati in Europa da giugno ad oggi, le valutazioni dell’azionario sono a sconto rispetto a quelle degli stati Uniti e nel dettaglio sono interessanti quelle dei settori ciclici, particolarmente penalizzati dai ribassi». Ludivine de Quincerot, membro del comitato investimentidi Rothschild & Cie Gestion, crede che sia il momento per passare dagli investimenti obbligazionari all’azionario, privilegiando alcuni paesi europei compresa l’Italia. «Le attuali valutazioni europee non includono ancora i segnali positivi che vengono dall’economia. Inoltre non è necessaria una crescita decisa in Europa perché certi titoli risultino interessanti. Le flessioni registrate da giugno hanno portato alcuni settori in particolare a quotare a sconto rispetto ai corrispettivi americani» osserva de Quincerot durante un incontro con la stampa italiana per il lancio di cinque nuovi fondi in Italia, dove Rothschild è presente con la divisione da 16 mesi e ha già raccolto circa 200 milioni di euro. L’obiettivo, secondo quanto dichiarato da Alessio Coppola, country manager per l’Italia, è quello di raggiungere il miliardo entro il 2017
Il Sole 24 Ore
Nuove modalità di quantificazione induttiva dei redditi sottratti a imposizione da imprese minori, professionisti ed evasori totali, maggiori controlli derivanti dagli sviluppi delle attività di polizia giudiziaria e di segnalazione di operazioni sospette, quantificazione, anche se solo ai fini statistici, delle imposte dirette evase dal contribuente. Sono queste alcune delle direttive contenute nella circolare del 19 novembre della Guarda di finanza relativa all'attività di verifica del 2015.
Il Sole 24 Ore
Le direttive del Comando generale della GdF in tema di controlli fiscali traggono origine da varie esigenze operative e confermano l'importanza della coerenza di fondo delle strategie del Corpo rispetto alle più ampie scelte di politica fiscale del Governo delineate nel Def 2014. In questo contesto, la circolare fornisce alcune indicazioni per valorizzare ulteriormente gli esiti delle attività investigative di polizia giudiziaria e di segnalazioni di operazioni sospette. Questo per l'evidente scopo di utilizzare più proficuamente elementi già in possesso dei reparti operativi rivelatori di anomalie anche fiscali (la circolare fa riferimento al confronto tra flussi finanziari e situazione reddituale dei contribuenti tipico di molte segnalazioni di operazioni sospette) e quindi di svolgere gli accertamenti nei confronti di soggetti per i quali, già “a tavolino”, risultano evidenti determinate discrasie meritevoli di approfondimento
Il Sole 24 Ore
IL CONFRONTO. Maggiore confronto tra flussi finanziari e redditi dichiarati I risultati più significativi conseguiti dalla Gdf negli anni precedenti derivano dallo sviluppo degli elementi acquisiti nelle indagini di polizia giudiziaria o di segnalazione di operazione. Anche per il futuro è previsto un ulteriore approfondimento delle attività basate sul confronto tra flussi finanziari e situazione reddituale dei contribuenti SOTTO LA LENTE. Nel Pvc segnalati costi, spese e altri oneri documentati In caso di ricostruzione induttiva, i verificatori devono procedere al riconoscimento dei costi verosimilmente sostenuti dall'impresa: nel processo verbale di constatazione (Pvc) saranno segnalati i costi, le spese e gli altri oneri risultanti da regolari documenti fiscali attestanti acquisti di beni e servizi inerenti
SPECIALI
Le News di Of
Il Trentino è probabilmente la regione che vanta il maggior numero di mercatini di Natale (oltre che i più noti e tra i più affascinanti). L’elenco di comuni che durante e dopo l’Avvento mettono in mostra deliziose bancarelle illuminate, è infatti notevole. Il mercatino di Bolzano è considerato il più grande in Italia, organizzato quest’anno dal 27 novembre al 6 gennaio, nella celebre Piazza Walther, dove oltre alle classiche casette di legno che vendono ogni sorta di articolo di artigianato, è possibile gustarsi le delizie tipiche della regione, come Zelten con canditi, strudel di mele e biscotti fatti in casa. Dormire due notti, dal 12 al 14 dicembre, presso il 4 stelle Business ResortParkhotelWerth, costa 207 euro su Booking. L’hotel si trova in una posizione tranquilla e immersa nella natura, a dieci minuti d’auto dal centro di Bolzano.
Le News di Of
Viene inaugurato la prima domenica di Avvento, il mercatino natalizio di Marienplatz a Monaco, con un albero di 30 metri, illuminato da 2.500 candeline, dove a pochi passi si trova il Rindermarkt annoverato fra i più importanti mercatini del presepe tedeschi. Un break nella città di Monaco, dal 5 al 7 dicembre, costa 280,87 euro a persona prenotando su lastminute per il week end del 5 dicembre, con partenza dall’aeroporto Malpensa di Milano. Il pernottamento avviene invece al 4 stelle Best Western Plus Hotel Erb, situato in zona centrale. È il più famoso della Germania e anche tra i più noti al mondo, il mercatino di Norimberga, in Piazza del Mercato, inaugurato il venerdì che precede la prima domenica di Avvento, con una suggestiva cerimonia che vede calare un Angelo di Natale dalla balconata della Chiesa di Nostra Signora. Sono circa 180 le bancarelle espositrici, tra cui le preferite rimangono quelle gastronomiche con le specialità della città, come la salsiccia di Norimberga e il pan pepato. A testimonianza della bellezza di questi mercatini, il numero di visitatori che attira ogni anno: ben 2 milioni, provenienti da tutto il mondo.
INCHIESTE
Il Sole 24 Ore
Arrivano, svuotano il conto e convertono il denaro in diamanti. «I gioiellieri di via Nassa ne stanno vendendo in quantità: una bustina un milione di franchi», racconta un professionista luganese. La leggenda narra che qualche facoltoso italiano, pur di non farsi identificare dal fisco, abbia addirittura preferito donare i propri soldi, avendo messo al sicuro, altrove, il "malloppo" e ritenendo più conveniente regalare gli "spiccioli" rimasti a Lugano piuttosto che rischiare di essere inseguito a vita dalla Finanza. Gli irriducibili le escogitano tutte pur di sottrarsi al nuovo corso della weissgeldestrategie, la strategia del "denaro bianco", avviata dal governo federale all'insegna della trasparenza: una politica che ha determinato il cambio di proprietà di istituti come Bsi e Banca Arner, storici rifugi di capitali italici, e che ha fatto diminuire il numero delle banche e dei loro addetti. Senza parlare delle fiduciarie: nel cantone se ne contano un migliaio e qualcuna naviga in cattive acque
Milano Finanza
Nella recente operazione di cessione da parte del Credit Suisse di un ramo d’azienda di una cinquantina di banker a Banca Generali, quest’ultima ha pagato addirittura 45 milioni (ovvero il 2,4% degli 1,9 miliardi delle masse trasferite) oltre, in base a rumor di mercato, l’1,25% ai promotori che hanno deciso di passare alla rete del Leone, quindi in totale il 3,65%. Le società che pagano di più sono le reti di promotori finanziari quelle che vanno a caccia di professionisti di lunga esperienza, che portano in dote portafogli elevati.
Corriere della Sera
Tre storici palazzi romani sul mercato per suscitare l’interesse degli investitori internazionali. Il real estate della banca e la riduzione delle sedi del gruppo (slideshow)
Milano Finanza
Il big bang della borsa cinese ha riacceso i riflettori sul mercato azionario più grande al mondo dopo Wall Street, ma anche il meno presente nei portafogli degli investitori semplicemente perché, finora, è stato difficile accedervi. Nel contempo, venerdì 21, il calo dei tassi cinesi ha dato una spinta alle borse mondiali (Piazza Affari si è apprezzata del 3,88%). Tassi a parte, è comunque partito il link tra Hong Kong e Shanghai, che consentirà agli investitori di comprare le azioni della City cinese attraverso broker di Hong Kong.
La Voce
Per le piccole e medie imprese italiane, la caduta del prodotto interno lordo di quasi dieci punti percentuali dall’inizio della crisi ha significato un persistente calo della domanda, particolarmente intenso per le aziende rivolte al mercato interno e addirittura drammatico per quelle che operano nelle costruzioni. La debolezza della domanda è stata accompagnata da un rallentamento e poi da una contrazione del credito, che è stato tagliato soprattutto alle Pmi finanziariamente più fragili. Non sono state solo le banche a ridurre i prestiti alle controparti più rischiose, ma anche le stesse aziende – nella concessione dei fidi commerciali – sono state più caute, operando un processo di selezione tipico degli istituti finanziari. Secondo i dati raccolti in Payline, il database proprietario di Cerved sulle abitudini di pagamento nelle transazioni commerciali di più di 2,6 milioni di imprese, nel 2013 il credito commerciale si è ridotto di 2,7 punti percentuali rispetto all’anno precedente, ma non tra le società più affidabili, che hanno invece ottenuto un aumento dei fidi del 4,5 per cento rispetto all’anno precedente.
Milano Finanza
Nel tentativo di instaurare canali di comunicazione e relazioni con i consumatori, i responsabili marketing di molte aziende si stanno rivolgendo sempre di più a Facebook e Twitter. Stando alla società di ricerca Forrester, in questo modo sprecano tempo e e denaro. “Non hanno realmente un rapporto social con i clienti,” ha scritto l’analista Nate Elliott in un nuovo rapporto intitolato “Social relationship Strategies That Work" - (strategie di relazione social che funzionano). Per Elliot, i post dei marchi top su Facebook e Twitter raggiungono solo il 2% circa dei loro fan e follower, e mediamente meno dello 0,1% dei fan e follower interagisce davvero con ogni post.
COMMENTI
Il Sole 24 Ore — Marco Onado
La Bce è ormai pronta a intervenire in modo massiccio sui mercati per allontanare lo spettro della deflazione, che è divenuto il problema fondamentale non solo del Vecchio continente, ma dell'intera economia mondiale. Come ha ricordato qualche giorno prima del vertice del G-20 il ministro del Tesoro americano, il mondo non può permettersi il lusso di un "decennio europeo perso". E siccome gli anni persi sono ormai sette, sarà il caso di darsi una mossa. Eppure, Mario Draghi ha dovuto mettere in campo tutte le sue abilità diplomatiche per cucire un consenso che sembra ancora fragile, se non sull'obiettivo, almeno sugli strumenti da utilizzare. È infatti ovvio che una banca centrale che rimane passiva di fronte a un obiettivo sistematicamente inferiore a quello di lungo periodo e alle sue stesse previsioni ha il dovere di intervenire. La prima decisione politica importante della neonata Bce fu di definire il proprio obiettivo di inflazione: annunciando che avrebbe perseguito un aumento dei prezzi inferiore, ma vicino, al 2% segnalò che il rischio di deflazione può essere anche peggiore di quello di inflazione, perché trascina l'economia in una spirale senza fondo, fatta di caduta della domanda e crescente insostenibilità dei debiti pubblici e privati. Esattamente come era successo alla Germania dopo la grande fiammata dell'iperinflazione
Il Sole 24 Ore — Alessandro Graziani
Finiti gli stress test della Bce, due nuove tegole regolamentari rischiano di frenare nuovamente l'erogazione del credito all'economia reale in Europa e, soprattutto, in Italia. Avendone i poteri, i governi della Ue avranno la forza di contenere le proposte di autorità come Eba e Fsb, fortemente condizionate dalla finanza anglosassone? E ancora: il proposito della Bce di arrivare rapidamente a un level playng field tra i diversi sistemi bancari comporterà una revisione delle cosiddette «national discretions and options» in modo equilibrato o si creeranno disparità trà i vari Paesi europei? I banchieri sono in allarme ma il tema che più rileva dal punto di vista economico, e che dunque dovrebbe coinvolgere i Governi, è se le due Authority internazionali (Eba e Fsb) dovessero davvero aarrivare fino in fondo con le nuove regole che, a prescindere dalla volontà, avranno l'effetto di penalizzare per altri anni ancora l'erogazione del credito alle imprese europee. Vanificando, paradossalmente, i tentativi della Bce di migliorare la trasmissione il credito all'economia attraverso le misure di Tltro (si veda l'articolo a fianco) e dell'acquisto di asset back securities
Il Sole 24 Ore — Donato Masciandaro
Oramai non passa giorno che le cronache finanziarie non riportino notizie relative a comportamenti finanziari temerari a Wall Street e dintorni. Ieri è stato un rapporto del Senato americano a porre sotto i riflettori i comportamenti di tre grandi banche americane - Goldman Sachs, Morgan Stanley, JPMorgan - nei mercati delle materie prime e di riflesso del loro principale controllore, vale a dire la banca centrale americana (Fed). Non c'è da stupirsi; fino a quando la regolamentazione continuerà a consentire alle grandi banche ampie aree di sostanziale impunità rispetto ai rischi assunti ed i supervisori che si mostrano lenti ed inefficaci verranno comunque premiati da politici compiacenti, gli azzardi finanziari continueranno ad essere pane quotidiano dei mercati. Tanto al massimo i costi li pagano i contribuenti. Peccato che potrebbero essere non solo quelli americani.
Il Sole 24 Ore — Alberto Quadrio Curzio
In Europa e in particolare nell'eurozona (quasi) nessuno crede più che la crescita e l'occupazione riprenderanno con le politiche economiche e fiscali adottate sino ad ora. La semi deflazione e stagnazione europea sono ormai un fatto compiuto che preoccupa anche l'Fmi quale massima espressione del "governo" dell'economia mondiale. Urge che i responsabili delle politiche economiche spingano gli investimenti nell'eurozona. È questa anche la richiesta che Emma Marcegaglia, presidente del BusinessEurope delle Confindustrie europee tenutosi due giorni fa a Roma, ha avanzato con forza trovando unanime consenso, tra cui quelli del presidente di Confindustria Giorgio Squinzi e del presidente del Consiglio Matteo Renzi. Questo ci porta al piano Juncker da 300 miliardi in tre anni da valutare sia dal punto di vista politico che da quello economico-finanziario dove bisognerebbe coinvolgere la Bce
Il Sole 24 Ore — Paul Krugman
A volte l'assurdità di quello che viene spacciato come buonsenso economico supera perfino le mie aspettative (che pure sono largamente adattate ai tempi). Mi aspettavo davvero, lo giuro, che anche Wall Street avrebbe giudicato imbarazzante il recente sproloquio di Paul Singer (il miliardario convinto che ci sia un complotto e che i dati sull'inflazione siano taroccati) sull'«iperinflazione negli Hamptons» (i sobborghi residenziali dei superricchi newyorchesi) e avrebbe fatto finta di niente. E invece no. A quanto sembra la lettera di Singer agli investitori circola con entusiasmo tra agenti di Borsa e pezzi grossi, come se fosse la cosa più bella del mondo dopo il foie gras in fettine
INTERNAZIONALE
Financial Times
Intesa Sanpaolo, Italy’s leading domestic lender, is considering a bid for Coutts, the wealth management arm of Royal Bank of Scotland, as part of a strategy to deploy €16bn of excess capital. Coutts, whose international operations were recently put up for sale by RBS, was among the most interesting assets available, people close to the bank said. RBS last month hired Goldman Sachs to run the sale of Coutts International. One person close to the situation said Intesa was trying to persuade RBS and its advisers to sell the whole of Coutts, including the prized UK business, whose customers include Queen Elizabeth. RBS said the process of selling the international business was progressing but ruled out a sale of the UK franchise. “We are absolutely committed to Coutts in the UK,” the bank said.
Financial Times
Analysts said Goldman was probably seeking to save on costs while also tapping into a wealth of so-called “unstructured” data. Such information involves text as opposed to the numeric “structured” data that have traditionally been easier for computers to digest. Research scientists estimate that 80 per cent of all data come in unstructured form; being able to quickly analyse this wealth of information is the holy grail for banks seeking to use big data to augment their business.
Financial Times
British and French banks are calling on Brussels to “look afresh” at these plans given the incoming commission’s objective to unblock the flow of credit to the real economy and avoid unnecessary EU-level interventions. The bank structure reform is part of the EU’s attempt to handle banks that are too big to fail. It includes curbs on banks betting with their own funds and powers for regulators to hive off risky trading activities.
Financial Times
Italy has sounded the alarm over the pace of Europe’s landmark trade negotiations with the US, warning that they are in danger of failure unless negotiators can secure an agreement by the end of next year. Carlo Calenda, Rome’s trade envoy and vice-minister for economic development, said that only weeks remained to make a “fresh start” and rescue what would be the world’s biggest trade deal.
Forbes
It started out as another choppy week for the stock market as last Tuesday’s sharply higher close caught me and many others by surprise. As I noted the next day, the market internals did not measure up to the price gains so this made the following days and the weekly close the most important. Of course, the Tuesday turnaround was spurred by the “European Central Bank’s plans for ?1 trillion of monetary stimulus” as the Euro markets rallied in impressive fashion. The Dax Index hit a low last Monday of 9161 and was up 4% by early Wednesday.
The New York Times
Maybe. Maybe not. In what appears to be largely a semantic shift, media outlets including BuzzFeed, Gawker, The Huffington Post, Mic, Outside magazine and nearly a dozen others have taken the role of internships and repackaged them as fellowships. “The internship slash fellowship lines have completely blurred,” said Arielle Dreher, a student at Columbia University’s Graduate School of Journalism. Millennials Feel Trapped in a Cycle of Internships With Little Pay and No Job OffersFEB. 14, 2014 One fellowship Ms. Dreher plans to apply for is with Outside magazine. It’s a paid position, and the responsibilities are fact-checking, reporting and research, all typical for a newsroom intern. The email address to apply is internships@outsidemag.com.
TECNOLOGIA
Wired Italia
Il segreto del successo è avere una visione a lungo termine, intuire prima degli altri dove stia andando il mondo, saper anticipare il futuro. Bill Ready, CEO di Braintree, piattaforma globale per i pagamenti mobile acquisita l’anno scorso da Paypal per 800 milioni dollari, ne sa sicuramente qualcosa: era il “lontano” 2009, l’iPad non aveva ancora fatto la sua comparsa, e Ready aveva già intuito che il futuro dei pagamenti digitali sarebbe passato per quei computer miniaturizzati sempre più potenti che ormai quasi tutti teniamo in tasca. “In pratica abbiamo predetto il futuro e preceduto tutti, così quando siamo partiti c’eravamo solo noi”, mi ha spiegato durante l’ultimo Web Summit. “
La Repubblica
Prenotare con un solo click una vacanza rigenerante a poca distanza dal posto in cui si vive, per ripercorrere le orme del film "Scappo dalla città". E' già possibile con una serie di siti specializzati, da Booking a Expedia, a breve si potrà fare anche con Amazon. Il colosso dell'eCommerce dopo i droni, le consegne in taxi, l'acquisto del Washington Post, i cellulari 3D e la sezione dedicata al cibo, non smette di sperimentare e si prepara a lanciare dal 2015 Amazon Travel. Secondo indiscrezioni in rete, l'azienda del vulcanico Jeff Bezos renderà disponibile il nuovo servizio dal prossimo primo gennaio. Si potranno, in un primo momento, fare prenotazioni alberghiere in una serie di strutture indipendenti e selezionate vicino alle principali metropoli americane. Da New York a Los Angeles alla stessa Seattle, dove ha sede il quartier generale di Amazon. Le prenotazioni non dovrebbero riguardare i viaggi in aereo, opzione invece possibile su altri siti concorrenti.
La Repubblica
UN MODESTO contributo al mese, affidato alla nostra disponibilità economica: 1,2,3 dollari. Per avere Internet senza pubblicità, ovvero una Rete dove i nostri dati personali non saranno più venduti a inserzionisti pronti a perseguitarci ogni volta che apriamo una nuova pagina, o visitiamo un sito di news, con promozioni su misura. Al posto degli advertiser ci sarà, invece, un altro messaggio. Un semplice, e riconoscente: "Grazie". Chiaro, solo per chi ha deciso di scucire una piccola somma. Ci sta pensando Google, che proprio sugli ads ha costruito il suo impero. Un cambio di rotta? Chissà, però il motore di ricerca nelle scorse ore ha lanciato un nuovo servizio. Si chiama Contributor. "Un esperimento sui modi alternativi con cui finanziare il web", lo definiscono Larry Page e Sergey Brin nella pagina dedicata all'iniziativa. E aggiungono: "Oggi la maggior parte di Internet è pagata dalla pubblicità. Ma che cosa succederebbe se ci fosse un metodo per supportare direttamente le persone che creano i siti che visiti ogni giorno?".
Wired Italia
Ok! Venice è un’idea della start-up bolognese Mubo Project e della web azienda milanese Vidiemme Consulting. Un’esperienza immersiva e allo stesso tempo un approccio delicato, calibrata per una città invasa da una folla di turisti. In questo caso, invece, la proposta è di conoscere un angolo della città lagunare fuori dai flussi e uno dei più suggestivi della città. Il target? Un pubblico colto e in cerca di un turismo dolce. Siamo a Cannaregio, alle spalle del Ghetto.
Market Watch
Where America’s youth go online to avoid Mom and Dad (Slideshow)
© 2010-2015 e-content.net | Dedicated Server Intermedia Co. (Palo Alto, California) | Tutti i diritti riservati | Vai alla pagina informativa della lista OFNews per disattivarti o per invitare qualcuno






LE NEWS PIÙ LETTE


10

1) Diventa socio. Otterrai il mutuo, il prestito e condizioni migliori sul conto

Risparmiare fino a 240 euro l’anno sul conto corrente, ridurre lo spread dell’1%, ottenere polizze gratuite a protezione della famiglia. E poi, prenotare vacanze per due al prezzo di uno, parcheggiare in aeroporto con sconti fino al 70%, trovare posto al ristorante e pagare meno. Questi sono alcuni dei vantaggi del diventare socio offerti dalle 11 banche analizzate da Of-Osservatorio finanziario. In media la spesa è di 1137 euro. Ma il vantaggio più importante è questo: ottenere realmente un finanziamento, mentre per gli altri clienti i rubinetti del credito sono troppo spesso ancora chiusi

2) Of-MigliorConto 2014. Novità d’autunno: UniCredit, Widiba e Banco Desio

Il mese di settembre, e i primi giorni di ottobre, hanno visto il lancio di ben 8 nuovi conti correnti. UniCredit ha presentato la nuova gamma MyGenius: il conto standard si può arricchire di 3 diversi moduli (con canone mensile più elevato) per ottenere altri prodotti di cui si ha bisogno. Widiba, la nuova banca online di MPS, ha visto la sua nascita sul web con un conto altamente personalizzabile e con riconoscimento vocale al posto del token. Banco Desio include nella sua offerta un conto (Start) per chi effettua poche operazioni e due (Premium ed Elite) per chi, invece, ha bisogno di un numero elevato

3) I mercatini di Natale più fiabeschi/Italia

In Italia la magia del Natale si vive da nord a sud, grazie (anche) ai tradizionali mercatini natalizi. Da quelli caratteristici del Trentino (con un elenco infinito di indirizzi imperdibili), al Lazio, con Greccio, patria del primo presepe del mondo, fino alle botteghe degli artigiani maestri di Napoli. I mercatini che meritano una visita sono tantissimi. Eccone alcuni, con le tariffe degli hotel consigliati da Booking

4) I mercatini di Natale più fiabeschi/Estero

5) Regali di Natale/Le occasioni migliori si fanno (anche) online

6) Capodanno 2015: 12 viaggi scontati fino al 70%

7) Cerchi un mutuo? Un conto? Diventa socio (riaggiornato)

8) Bollettino novembre. I trend del mese

9) Cerchi un mutuo? Un conto? Diventa socio (riaggiornato)

10) Regali di Natale/È spending review con il fai-da-te


10

1) Of-MigliorConto 2014. Novità d’autunno: UniCredit, Widiba e Banco Desio

Il mese di settembre, e i primi giorni di ottobre, hanno visto il lancio di ben 8 nuovi conti correnti. UniCredit ha presentato la nuova gamma MyGenius: il conto standard si può arricchire di 3 diversi moduli (con canone mensile più elevato) per ottenere altri prodotti di cui si ha bisogno. Widiba, la nuova banca online di MPS, ha visto la sua nascita sul web con un conto altamente personalizzabile e con riconoscimento vocale al posto del token. Banco Desio include nella sua offerta un conto (Start) per chi effettua poche operazioni e due (Premium ed Elite) per chi, invece, ha bisogno di un numero elevato

2) Diventa socio. Otterrai il mutuo, il prestito e condizioni migliori sul conto

Risparmiare fino a 240 euro l’anno sul conto corrente, ridurre lo spread dell’1%, ottenere polizze gratuite a protezione della famiglia. E poi, prenotare vacanze per due al prezzo di uno, parcheggiare in aeroporto con sconti fino al 70%, trovare posto al ristorante e pagare meno. Questi sono alcuni dei vantaggi del diventare socio offerti dalle 11 banche analizzate da Of-Osservatorio finanziario. In media la spesa è di 1137 euro. Ma il vantaggio più importante è questo: ottenere realmente un finanziamento, mentre per gli altri clienti i rubinetti del credito sono troppo spesso ancora chiusi

3) Regali di Natale/Le occasioni migliori si fanno (anche) online

Se per il prossimo Natale, l’esigenza di molti è quella di tagliare le spese, online si possono fare buoni affari che permettono di salvaguardare cifre significative, con sconti che superano anche il 70%. Tra regali firmati, idee utili e sfizi tecnologici, ecco le offerte più interessanti, divise in quattro fasce di prezzo, dai 9,50 euro a salire

4) Immobiliare 2015. Perché vendere. Perché comprare. Perché investire. Secondo Gabetti

5) Regali di Natale/È spending review con il fai-da-te

6) Gli eventi di novembre: oltre 20 appuntamenti tra musica, cinema, arte e scienza

7) I migliori prestiti per fare un Buon Natale (nonostante tutto)/Aggiornato

8) Viaggi gastronomici: 15 eventi dedicati al mangiar bene

9) Cerchi un mutuo? Un conto? Diventa socio (riaggiornato)

10) Conti correnti per Pmi: le 10 migliori offerte del momento

Tutte le news più lette

CONNESSI AL MONDO DELLE NEWS

Rassegna stampa da 100 siti.
OfNews è la prima Rassegna Stampa e Tv online. Ogni mattina online o anche via email ti offre una selezione ragionata, realizzata da una redazione di giornalisti, delle principali notizie apparse sul web e firmate da oltre 100 siti di news e tv, italiani e internazionali. OfNews ti informa su economia, finanza e tecnologia (web, cellulari e hitech)


Leggi OfNews: economia, finanza e tecnologia


 HOME PAGE | SCRIVI | CHIEDI | TORNA IN ALTO
© 2009-10 OFNetwork s.r.l. P.IVA 06826940964 Corso Magenta 32 20123 Milano | Dedicated Server Intermedia Co. (Palo Alto, California) | Tutti i diritti riservati | Contattaci |