logo-mini

OF News Aggregator

Per iscriversi o disattivarsi dalla mailing list

Uscita di martedì 22 gennaio 2019

OFNEWS SOSPESA? LA MOTIVAZIONE

Avvisi
LA RASSEGNA OFNEWS AGGREGATOR E’ MOMENTANEAMENTE SOSPESA A CAUSA DI UNA DIFFIDA DEL LEGALE DE IL SOLE 24 ORE. DATO CHE IL NOSTRO LEGALE CI HA RASSICURATO CHE NON C’E’ MOTIVAZIONE NEL CONTENDERE SIAMO FIDUCIOSI CHE OFNEWS.TV RIPRENDERA’ AL PIU’ PRESTO. LA REDAZIONE DI OFNEWS.IT...
 
Leggi tutto

Brussels takes a welcome lead on AI regulation

Internazionale
It is developing an ethics framework that will foster consumer confidence Established companies and start-ups around the world are rushing to develop or adopt artificial intelligence solutions that will reliably anticipate our behaviour and uncover our unconscious needs and desires. From trivial problems, like which groceries to buy or movies to watch, to decisions about whether to hire a candidate or extend a loan, AI-powered computers are increasingly making forecasts and decisions that affect all our lives. According to the European Commission’s High-Level Expert Group on Artificial Intelligence, AI “is one of the most transformative forces of our time, and is bound to alter the fabric of society”. Examples of the potential social benefits of AI technology are many. But the risks associated with algorithmic decision-making are also well known: AI programs reflect the biases of their developers — both in how they formulate the problem to be solved and how they select, use and prioritise the data that will be processed. ...
 
Leggi tutto

Santander to close 140 branches, putting more than 1,200 jobs at risk

Internazionale
Santander plans to close nearly one in five of its bank branches in the UK, putting more than 1,200 jobs at risk. The Spanish-owned bank, which has one of the largest high street networks in Britain, will shut 140 branches, leaving 614 after the closures, which will be completed by the end of the year. Santander said it expected to find new jobs for about a third of the 1,270 employees whose jobs are at risk....
 
Leggi tutto

Mps, le condizioni per il partner

Cover Story
Tra Roma, Siena e Milano si lavora al dossier di una fusione per Montepaschi, in particolare con un’altra banca italiana, come una delle vie praticabili per rafforzare la redditività del gruppo senese e consentire l’avvio dell’uscita del Tesoro dal capitale dell’istituto, salvato nel 2017 con 5,4 miliardi di aiuti di Stato. Il governo Lega-M5S vuole affrontare questa partita prima delle elezioni europee di maggio, per evitare che esploda una nuova «questione bancaria», specialmente dopo che la soluzione d’emergenza varata per Carige. Il crollo delle banche ieri in Borsa rientra in questo contesto di timori di sistema. È stata l’anticipazione da parte di Mps delle indicazioni della Bce, ancora non definitive, per il 2019 (l’esame «Srep») ad aver spinto a -10% il titolo, coinvolgendo Bper (-3,8%), Banco Bpm (-2,4%), Ubi (-2,3%), Unicredit (-2%). Ad esso sono sommate le parole del sottosegretario Giancarlo Giorgetti: «Auspico che Mps abbia risolto tutti i propri problemi. Se non sarà così, il governo dovrà farsene carico responsabilmente....
 
Leggi tutto

Le prime 6 banche devono svalutare 63 mld di Npl in 7 anni

Cover Story
Ubi, Banco-Bpm , Bper e Mps soffre anche oggi. La richiesta da parte della Bce pubblicata venerdì sera, ma giunta a Siena a dicembre, ha aperto una voragine nel settore. Già ieri gli analisti avevano anticipato che la lettera sui requisiti Srep per il 2019 spedita al Monte con la richiesta allegata di svalutare al 100% gli Npe è del tutto inattesa e un precedente pericoloso per l'Italia. Oggi i broker tornano sulla questione, in attesa che anche gli altri istituti pubblichino, entro fine mese, il contenuto delle rispettive lettere ricevute da Francoforte con specificati non solo i nuovi target di solidità patrimoniale (Srep) ma anche le richieste di applicare l'Addendum, tagliate su misura per le singole banche....
 
Leggi tutto

Draghi: in alcuni paesi non tutti i benefici dell'euro si sono pienamente realizzati

Economia
La maggior parte delle sfide sono globali e possono essere affrontate solo insieme. E' quest'unione, secondo il presidente della Bce, Mario Draghi, che esalta la capacità dei singoli paesi di mantenere la sovranità sulle questioni rilevanti, la sovranità che altrimenti andrebbe persa in questo mondo globale. E' proprio in questo senso, ha rimarcato nel corso della celebrazione sui vent'anni dell'euro al Parlamento europeo riunito a Strasburgo, che la moneta unica ha dato a tutti i membri della zona euro la propria sovranità di politica monetaria, rispetto agli accordi monetari preesistenti. ...
 
Leggi tutto

Mea culpa di Juncker: abbiamo sbagliato a insultare i greci durante la crisi

Economia
Il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, ha ammesso che nel corso della gestione della crisi ellenica, "abbiamo insultato i greci", riferendosi alle accuse mosse da diversi Stati alle scelte fiscali del Paese che hanno aggravato la crisi del debito sovrano in tutta la zona euro. Prima dell'intervento per la celebrazione del ventennale dell'euro, Juncker in aula ha indicato che l'Ue deve assicurare che "l'economia non sia più contro i lavoratori". Juncker ha anche osservato che nella gestione della crisi greca "c'è stata mancanza di solidarietà: mi rallegro nel vedere che sia la Grecia sia il Portogallo (anch'esso un Paese salvato dall'Eurozona, ndr) abbiano ritrovato un posto, non dico al sole, ma un posto tra le vecchie democrazie europee". Quanto alla gestione delle crisi, ha precisato: "Mi rincresce che l'Eurozona abbia dato troppo spazio al Fondo monetario internazionale: se la California entra in crisi, gli Usa non si rivolgono al Fondo e noi avremmo dovuto fare lo stesso". ...
 
Leggi tutto

Debito pubblico, nuovo record a 2.345 miliardi

Inchieste
Un nuovo record (negativo) per il debito dell’Italia. A novembre il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato di 10,2 miliardi rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.345,3 miliardi. È quanto emerge dai dati della Banca d’Italia contenuti nel Supplemento al Bollettino Statistico «Finanza pubblica, fabbisogno e debito». L’incremento ha finanziato il fabbisogno del mese (5,8 miliardi) e l’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (3,3 miliardi, a 51,9); l’effetto complessivo degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio ha inoltre incrementato il debito di 1,2 miliardi. Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, la variazione del debito ha sostanzialmente riguardato le amministrazioni centrali. Il debito delle amministrazioni locali e quello degli enti di previdenza sono rimasti pressoché invariati. ...
 
Leggi tutto

Borse di studio e bebè, ecco le aziende più vicine alle famiglie

Inchieste
La più virtuosa è Ici Caldaie, media azienda veronese all’avanguardia nel settore del riscaldamento, tallonata da Gpi Group, società trentina attiva nel mercato socio-sanitario, e da Cefriel, centro di innovazione digitale fondato dal Politecnico di Milano. È questa la tripletta che guida la classifica delle aziende che hanno più a cuore l’armonizzazione famiglia-lavoro. Una graduatoria costruita grazie a un indicatore quantitativo appena concepito, il Cfr-Corporate family responsibility. «Finora — sostiene Dionigi Gianola — non esisteva nulla capace di misurare quanto un’azienda fosse effettivamente family-oriented». Gianola è direttore di Compagnia delle opere e responsabile di Fabbrica per l’eccellenza, la community che raggruppa un centinaio di aziende con un fatturato medio di cento milioni di euro e con un totale di 50 mila dipendenti....
 
Leggi tutto

Banche, rischio salasso fino a 20 miliardi in sette anni per azzerare tutto il cattivo credito

Economia
Nel giudizio "Srep" la Bce ha esortato i senesi a coprire al 100% tutti gli Npl rimasti entro il 2026, come provò a imporre nella prima bozza di addendum un anno fa. Timori a Piazza Affari per Carige, Ubi, Banco Bpm, penalizzate dagli stress test di vigilanza MILANO - Seduta in calo per le banche italiane, per le possibili ricadute della comunicazione di vigilanza mandata dalla Bce al Monte dei Paschi il 5 dicembre scorso, e resa nota dalla banca senese venerdì a mercati chiusi, dove si riaffaccia lo spettro della "calendarizzazione degli accantonamenti" per i tutti i crediti non performing, già scongiurata l'anno scorso. Una misura che, se applicata a tutti i circa 85 miliardi di euro di sofferenze e incagli presenti nei bilanci degli istituti nazionali (cifra già nettata degli accantonamenti stanziati) potrebbe costringere il settore a una ventina di miliardi di nuovi accantonamenti nei prossimi sette anni, con identica decurtazione del patrimonio su cui si basano i crediti nuovi e le attività commerciali di ogni istituto. La "vendetta" della vigilanza sui vecchi crediti malati L'antefatto è un'anteprima dell'esame chiamato "Srep", cui viene annualmente sottoposta ogni banca e con cui dopo avere analizzato rischi, strategie, governance, controlli, la vigilanza assegna a ogni istituto una soglia minima "ottimale" di patrimonio. Niente di nuovo. Se non che alla banca senese venerdì i controllori di Francoforte, nel confermare la soglia di Total Srep capital requirement all'11% (anzi, in prospettiva il fabbisogno cala dello 0,2%), hanno raccomandato la copertura integrale di tutti i crediti problematici in essere, portandola al 100% entro il 2026....
 
Leggi tutto

Nubi su crescita mondiale allarmano mercati. A Piazza Affari crolla Mps

Economia
Giornata di vendite sulle Borse europee, dove si sono di nuovo fatti sentire i timori per un rallentamento dell’economia globale. I listini del Vecchio Continente hanno tutti chiuso in calo. Del resto proprio oggi è stato annunciato che le immatricolazioni di auto in Cina l’anno scorso hanno registrato il primo segno meno dal lontano 1990, diminuendo del 2,8% rispetto al 2017. In più per il secondo anno consecutivo, il surplus commerciale della Cina si è contratto, scivolando del 16,2%. Come se non bastasse in Europa ha tirato il freno la produzione industriale, che lo scorso novembre è diminuita del 3,3% rispetto all’anno prima. Sullo sfondo, tra l’altro, rimane la paralisi del Governo federale americano, oltre che l’attesa per il voto del Parlamento inglese sull’accordo raggiunto dal Governo di Theresa May per la Brexit, in calendario domani. Il FTSE MIB ha registrato un ribasso dello 0,61%, mentre lo spread si è portato a 261,8 punti. Oltreoceano, chiusura in territorio negativo anche per Wall Street. Il Dow Jones perde lo 0,38% a 23.904,75, il Nasdaq cede lo 0,94% a 6.905,91 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno lo 0,54% a 2.582,35 punti. Giù le banche, crolla Mps, ma salgono le Banco di Sardegna A Piazza Affari hanno perso terreno le azioni delle banche, dopo la notizia a sorpresa sulle richieste della Bce a Banca Mps....
 
Leggi tutto

Kepler: il senso di Carige per Intesa Sanpaolo

Economia
La dote fiscale di Carige, una volta pulita e ricapitalizzata, si farebbe interessante, con 450 milioni trasformabili subito in crediti e 325 punti base di add-ons cancellati ai fini degli asset ponderati per il rischio. L'impatto su Intesa e Unicredit è simile, ma quello su sul Credit Agricole e su Bper varrebbe 10 volte tanto L'amministratore delegato di Banco Bpm, Giuseppe Castagna, ha detto in maniera chiara che l'attuale incertezza macroeconomica e le difficili condizioni del settore bancario impediscono al gruppo lombardo-veneto di guardare a qualsiasi operazione di fusione e acquisizione, anche nei confronti di Banca Carige . Oppure con Mps o Ubi. Tuttavia, il manager resta convinto che vi sia la necessità di un consolidamento del settore in Italia in futuro. Questa dichiarazione arriva dopo che l'amministratore delegato di Ubi Banca , Victor Massiah, ha escluso qualsiasi partecipazione in Carige , che è alla ricerca di un partner industriale tramite il proprio consulente Ubs in seguito alla richiesta pressante della Bce di esaminare l'opzione M&A per risolvere i problemi della sostenibilità aziendale. MF-Milano Finanza ha indicato la scorsa settimana Unicredit come un potenziale acquirente di Carige , una volta che l'istituto ligure sarà ripulito e ben capitalizzato. Gli analisti di Kepler Cheuvreux non escludono tuttavia oggi che gruppi come Intesa Sanpaolo o Credit Agricole esaminerebbero la possibilità considerando i benefici derivanti dalle DTA (deferred tax asset, sono le imposte anticipate), che si trasformano automaticamente in crediti di in caso di perdite fiscali. ...
 
Leggi tutto

Enel, primo green bond dell’anno: colpo da un miliardo di euro

Economia
Il primo green bond dell’anno porta il nome dell’Enel. La società italiana ha aperto il mercato delle obbligazioni verdi collocando un miliardo di euro e ricevendo richieste per 4,2 miliardi di euro per il titolo con scadenza 6,5 anni e uno spread di 135 punti base sopra il tasso midswap di riferimento. Un buon inizio d’anno se si pensa che nel 2018 il mercato si è mostrato molto debole a causa di una combinazione di circostanze negative che vanno dai titoli in scadenza alla volatilità. Tutti fattori che hanno smorzato la crescita delle emissioni di green bond dopo la corsa degli ultimi anni, che ha visto triplicarne il volume: lo scorso anno sono state registrate emissioni per 112 miliardi di euro rispetto ai 137 miliardi del 2017 con 217 emittenti contro i 255 dell’anno precedente, secondo un report di Société Générale. Il report riporta che a sostenere il mercato dell’asset class dei bond sostenibili sono ancora i green bond con l’80% delle emissioni, guidati dalla Francia, dal Belgio, dall’Irlanda e dalla Polonia. Utilities e Real Estate sono stati i settori più attivi nell’ultimo anno....
 
Leggi tutto

Tim e i 20 anni di debito: così i padroni hanno fatto cassa

Economia
La compagnia telefonica aspetta il budget che il nuovo ad Luigi Gubitosi presenterà giovedì. Ma le scelte fatte dall’Opa di Colaninno in poi lasciano margini di manovra limitati Giovedì il cda di Telecom Italia voterà il budget 2019. Gli interrogativi sono tanti, anche per le incognite politiche che pesano sul futuro. Ma una cosa è certa. Anche questa volta sui programmi peserà un fardello di cui nel 2019 ricorre il ventennale: il debito generato dall'Opa dei "capitani coraggiosi" La storia di Telecom degli ultimi vent'anni, infatti, può essere narrata come il racconto triste di una grande azienda italiana che ... ...
 
Leggi tutto

Due miliardi di patrimoni esteri fuori dalle dichiarazioni fiscali

Affari Personali
Non sono bastate due voluntary disclosure a far emergere del tutto i patrimoni detenuti illegalmente all’estero. Le indagini condotte dall’agenzia delle Entrate, in sinergia costante con la Guardia di Finanza hanno fatto emergere nell’anno appena concluso, nei confronti di 160 soggetti, una maggiore base imponibile Irpef di 520 milioni circa . Ma, soprattutto, gli uffici del Fisco hanno accertato omesse indicazioni di attività finanziarie ai fini del monitoraggio fiscale per oltre 1,85 miliardi di euro. In sostanza quasi due miliardi di patrimoni celati ancora all’amministrazione finanziaria e tenuti nascosti oltre confine. Le attività investigative e di analisi, con particolare attenzione a quelle di contrasto a modalità di evasione ed elusione messi in atto da soggetti particolarmente a rischio, sono state orientate soprattutto verso fenomeni di residenza estera fittizia e di trasferimento o detenzione di attività finanziarie all’estero in violazione degli obblighi di monitoraggio fiscale, che si concretizzano con la compilazione del quadro RW del modello Redditi. I principali strumenti utilizzati per nascondere i patrimoni all’estero sono ancora trust e società di comodo....
 
Leggi tutto

Mps, per Equita l'azzeramento degli Npe è un pericoloso precedente

Affari Personali
Secondo Equita , la comunicazione della Bce a Mps sul fronte della copertura dei crediti in via di deterioramento è un "pericoloso precedente". La sim milanese scrive oggi che l'Addendum sugli stock di Npe (Non Performing Exposures) della banca senese e quindi sul monte esistente e non su quelli futuri può pesare per 25 punti bae l'anno su Siena, ovvero 160 milioni di euro di maggiori assorbimenti all'anno e scendere nel 2019 da 11,2% all'11%. In uno scenario "irrealistico di azzeramento totale degli Npe al 2026, l'impatto sarebbe di 138 punti base l'anno (886 milioni di maggiori assorbimenti)". Intanto il titolo Mps , sull'ottovolante dall'apertura di Piazza Affari, cede l'8,83% a 1,373 euro per azione. Per gli analisti, la nota sullo Srep che la Bce ha inviato a Mps raccomandando l'applicazione dell'Addendum (azzeramento del valore degli Npe dopo 2/7 anni in portafoglio a seconda che si tratti di posizioni garantite o non garantite) anche agli stock già esistenti e non solo ai flussi futuri, sebbene costituisca un'indicazione "company-specific (di Pillar 2)" e quindi rivolta solo a questo istituto, "rappresenta un pericoloso precedente per le altre banche"....
 
Leggi tutto

KBW: Mps emetterà questa settimana un covered bond grazie alla Bce

Affari Personali
Il titolo Mps in borsa viene a più riprese sospeso questa mattina, dopo che la banca ha pubblicato venerdì sera la lettera della Bce con i nuovi requisiti di capitale (più contenuti, una buona notizia) e la richiesta di una copertura totale degli Npl (dato inatteso, negativo), oltre al fatto di aver chiesto maggior decisione al board nel raggiungere gli obiettivi del piano industriale (il testo è stato reso noto perché Siena sta finalmente emettendo un bond a salvaguardia dei requisiti di patrimonio). Il titolo, ora rientrato in contrattazione, cede il 7,76% a 1,39 euro per azione per 1,71 miliardi di capitalizzazione di mercato. Gli analisti americani di Keefe, Bruyette & Woods (KBW) oggi mettono in evidenza che i requisiti della Bce per i livelli (e quindi i bond) AT1 + T2 (incorporati nel Cet1) restano invariati al 3,5% rispetto al 2018, che il cuscinetto O-SIB (Other Systemically Buffer) è stato annullato (0,0%, rispetto allo 0,06% precedente), come comunicato di Banca d'Italia nel novembre 2018. Di conseguenza, il nuovo requisito Cet1 Fully Loaded è del 10% rispetto al 10,25% precedente, contro un valore alla fine del terzo trimestre 2018 del 10,6% (questo requisito non include il P2G, il Pillar 2, dell'1,3%). Il nuovo requisito patrimoniale complessivo (total capital requirement) è del 13,5% rispetto a un proforma al 20 settembre 2018 del 14,2%. Per gli analisti di KBW l'abbassamento anche se di poco dei requisiti è una buona notizia, "ma a nostro avviso non cambia la nostra tesi su Mps , vale a dire che la banca deve impegnarsi di più per realizzare il suo piano di ristrutturazione, anche sul capitale"....
 
Leggi tutto

Unicredit converte Gabetti a 2,56 euro, ma il titolo vale molto meno

Affari Personali
Unicredit ha comunicato questa mattina di aver sottoscritto azioni Gabetti Property solutions in un'operazione fuori mercato. Nello specifico, la banca guidata dall'amministratore delegato Jean Pierre Mustier ha convertito crediti in titoli a seguito dell'operazione di aumento di capitale annunciata lo scorso autunno da Gabetti . Secondo il file pubblicato dalla banca, si tratta di 381,089,28 azioni al prezzo di 2,56 euro per un totale di 975.587 euro. Questa mattina Gabetti scambia in ribasso del 4,26% a 0,315 euro per azione. A dicembre Gabetti Property Solutions aveva comunicato che si era conclusa l'ulteriore esecuzione parziale dell'aumento di capitale relativo ai crediti Npl (non performing loans, crediti deteriorati) e riservato in sottoscrizione agli istituti di credito titolari di crediti chirografari di categoria A, che risultano parti dell'accordo di ristrutturazione dei debiti. Sono state integralmente sottoscritte dalle banche creditrici, tramite compensazione con crediti chirografari di categoria A di pari importo vantati dalle stesse nei confronti della società, 428.510 nuove azioni ordinarie Gabetti Property Solutions, prive di valore nominale espresso, al prezzo di 2,56 euro per azione, per un controvalore complessivo di 1,096 milioni di euro. Secondo gli aggiornamenti Consob, alla data del 9 gennaio il socio di riferimento di Gabetti è Finmar Srl che fa capo a Marcegaglia Investments Srl, con il 33,843%, seguito da FG Invest Srl di Alessadro Gatti con il 16,234%....
 
Leggi tutto

Fattura elettronica al via tra incognite e poche informazioni. Agenzia Entrate minimizza: ‘Pronti a gestirne miliardi’

Affari Personali
Dal 1° gennaio la eFattura sta rivoluzionando i rapporti commerciali nel nostro Paese. Ma l'avvio della rivoluzione non è affatto semplice e presenta diverse criticità anche per la scarsa comunicazione che ha accompagnato l'operazione. Gli esenti stanno scoprendo solo ora che potevano risparmiarsi la fatica. Gli intermediari che "rallentano" la trasmissione dei dati. Ecco come sopravvivere La rivoluzione della fattura elettronica ha preso il via con l’inizio del 2019 e in tutta Italia cresce la preoccupazione di utenti e associazioni che segnalano problemi e intoppi del nuovo sistema. Sui social, oltre a ironia e battute, si stanno organizzando raccolte di firme per bloccare la fatturazione elettronica, mentre molti segnalano ritardi e disagi nell’invio e nella ricezione delle fatture e i consumatori postano foto di esercizi commerciali e ristoranti che si scusano con gli utenti per non essere ancora in grado di fatturare con la nuova modalità. Sulla stampa locale protestano i presidenti degli ordini dei commercialisti segnalando problemi e aggravi di costi. Vittorio Quadrio, presidente dell’ordine provinciale, dice alla Provincia di Sondrio che era stato chiesto all’Agenzia delle Entrate di potenziare l’infrastruttura telematica ma che questo, evidentemente, non è stato fatto dato che “ci si blocca tutti sul sistema di interscambio” e aggiunge che “il banco di prova dell’intero sistema sarà il 15 febbraio, prima data della liquidazione Iva”. L’Associazione dei commercialisti ha segnalato che nei giorni scorsi, collegandosi al portale dell’Agenzia, diversi utenti hanno visto apparire sui loro schermi un inequivocabile messaggio: “Il sistema non è al momento disponibile, ci scusiamo per l’inconveniente e si prega di riprovare più tardi”....
 
Leggi tutto

Fondi passivi, i migliori e i peggiori del 2018

Affari Personali
Se il 2017 è stato l’anno dei record, con le Borse mondiali che hanno superato nel mese di dicembre i 100 mila miliardi di dollari di capitalizzazione (un livello mai visto prima), il 2018 è stato segnato dal brusco ritorno della volatilità. Tensioni commerciali tra Usa e Cina, incertezza politica nella zona euro, crollo dei mercati emergenti e tensioni attorno alle negoziazioni relative alla Brexit sono stati i venti che si sono fatti burrasca sui mercati, che l’anno scorso hanno segnato in quasi tutti i casi performance negative. Clicca qui per leggere l’articolo 12 scatti sui mercati finanziari nel 2018. La fotografia annuale dell’industria europea dei fondi passivi (Exchange traded product - Etp - e fondi non quotati) conferma proprio il cambio di rotta dal punto di vista della volatilità. Se nel 2017 il peggior Etp in termini di rendimento era stato il Lyxor S&P 500 VIX Futures Enhanced Roll UCITS ETF (-63%), replicante di un indice rappresentativo di una strategia basata sulla volatilità attesa del mercato azionario statunitense, nel 2018 la situazione si è perfettamente ribaltata, con lo stesso fondo al primo posto della Top 10 dell’anno (+26,3%). Gli index fund, essendo strumenti puramente passivi, riflettono nei loro movimenti l’evoluzione dei mercati, senza che la performance venga distorta dalle scelte (buone o cattive) di un gestore attivo. Inoltre, i replicanti vengono sempre più utilizzati come strumenti per posizioni tattiche di breve periodo. Perciò i rendimenti riflettono fedelmente quello che viene definito come il sentiment degli investitori. Secondo i dati Morningstar, nel 2018, tra il miglior fondo passivo (in termini di rendimento) e il peggiore ci sono oltre 66 punti percentuali (prendendo in considerazione quelli registrati alla vendita in Italia ed escludendo i replicanti strutturati, cioè a leva o short)....
 
Leggi tutto

Poste attiva sportelli automatici in 253 piccoli comuni e aree montane

Affari Personali
La soluzione punta a garantire benefici alle persone che vivono, lavorano, studiano o frequentano per motivi turistici piccoli comuni e aree montane. Sono 253 i sindaci di piccoli comuni che negli ultimi giorni hanno ricevuto da Poste italiane la lettera che annuncia loro l’attivazione di uno sportello automatico Postamat per lo svolgimento di numerosi servizi. Atm installati nei piccoli centri sprovvisti di ufficio postale L’installazione degli Atm era stata una delle richieste dell’Uncem, l’Unione nazionale comuni comunità enti montani, accettate formalmente dall’amministratore delegato Matteo Del Fante, davanti a 3.500 sindaci riuniti a Roma lo scorso 26 novembre. Si tratta di piccoli centri sprovvisti di ufficio postale....
 
Leggi tutto

Pensioni 2019: calcolo, requisiti, novità e approfondimenti

Speciale
Quota 100, pensione più vicina in sette opzioni. Così si ampliano le vie degli anticipi Con il prossimo arrivo di quota 100 viene allargato il ventaglio delle uscite flessibili. Le altre possibilità sono: opzione donna, Ape volontario e sociali, pensione ai precoci e a chi ha svolto lavori usuranti, sopensione Pensioni quota 100, ogni sconto ha sempre un costo Il prezzo della flessibilità si comprende più facilmente se consideriamo il sistema contributivo, in cui la pensione erogata dipende dai contributi versati durante la vita lavorativa. Nel contributivo, la longevità residua, ovvero il numero di anni durante i quali ci si aspetta di ricevere la pensione, determina come il totale dei contributi versati si trasforma nella pensione mensile...
 
Leggi tutto

Market Turmoil Hurt Citi’s Revenue as ’18 Ended, Signaling Possible Trouble

Internazionale
The economic uncertainty that roiled the stock market at the end of 2018 hurt Citigroup’s trading business, the bank said on Monday, as a busy week of quarterly earnings reports by the country’s largest banks got off to a shaky start. Citi said it had almost a half-billion dollars less in revenue in the year’s fourth quarter than analysts had expected. The cause of the drop, the bank said, was an unexpectedly sharp decline in revenue from trading in government bonds, foreign currencies and other fixed income products as falling stock prices spooked investors. Investors have fretted for the past several months over the Federal Reserve’s next moves and President Trump’s unpredictable trade tariff announcements. Those concerns are not likely to dissipate, and Citi’s chief executive, Michael Corbat, said they could eventually be more of a drag on the economy than actual policy changes. “Right now, we see the biggest risk in the global economy as one of talking ourselves into a recession,” Mr. Corbat said in a conference call with analysts...
 
Leggi tutto

HSBC banks on blockchain to finesse forex trades

Internazionale
HSBC is leaning more heavily on blockchain-based tools to handle the fiddly processes behind foreign-exchange trades, suggesting banks are finding solid applications for a technology used in cryptocurrencies, which have been under pressure since valuations tumbled last year. The London-headquartered bank, a heavy-hitter in forex dealing, has processed more than 3m FX transactions worth $250bn using blockchain technology in the past year, it said on Monday. That represents a tiny sliver of its overall currencies business, but still offers a rare example of a blockchain-based product that has proven its worth in wholesale finance. Settlement provider CLS — an industry utility that ensures each side of currencies trades gets paid — launched a so-called distributed-ledger technology platform in November last year with Goldman Sachs and Morgan Stanley. But after an initial flurry of hype surrounding the potential for the technology, most DLT-focused start-ups have yet to come up with a product, stymied by concerns over speed and security. ...
 
Leggi tutto

Open banking: the quiet digital revolution one year on

Internazionale
It’s not a fantasy. A new wave of apps powered by our personal financial data already exists and has done for the best part of a year — but comparatively few people know about them. This weekend marks a year since the launch of open banking, a government-backed initiative that introduced a secure way for consumers to give financial providers the ability to access their financial information. The rules require UK banks to share their current account holder data through an integration technology called application programming interfaces (API). These APIs can then be used — with the customers’ permission — by third parties, including challenger banks, fintech firms, tech companies and credit reference agencies to open up the financial services industry, and provide consumers with products better suited to their individual needs. ...
 
Leggi tutto

Did The European Commission Authorize B&B's Bank 'Destruction' With £22B State Aid?

Internazionale
The effective “destruction” of Bradford & Bingley (B&B), the former bank, savings and mortgage company, by the Bank of England, HM Treasury and the Financial Conduct Authority (FCA), the so-called Tripartite bodies, a decade ago in late September 2008, was completed when the European Commission (EC) authorized some £22 billion of State aid to Santander, Spain’s largest bank, a shareholder action group has claimed. Campaigners involved in the B&B Action Group (BBAG) seeking investor compensation for those that lost out - many of them pensioners - when the bank was nationalized in a transatlantic telephone called between Gordon Brown, the then British prime minister, and Chancellor Alistair Darling. At the time B&B was a “highly regarded and viable business”, which BBAG have repeatedly argued, was first established in 1851 and based in the North of England. And, the campaigners maintain it had a "far stronger balance sheet" than Northern Rock, Royal Bank of Scotland (RBS) and Halifax Bank of Scotland (HBOS). For 2007, the B&B, which counted 2,862 employees, reported an operating income of £572.3 million and net income of £93.2 million....
 
Leggi tutto

Galaxy S10 won't save Samsung innovation, but folding 'Galaxy X' could

Internazionale
With slow sales and strong Android rivals, Samsung can't afford to rest on its laurels. With the upcoming Galaxy S10, Samsung may have an innovation problem. The Korean tech giant may have stolen CES 2019 last week by announcing the Galaxy S10's Feb. 20 launch date in San Francisco), but it was world's second-largest phone maker, Huawei, whose Huawei Honor View 20 reminds us how far Samsung's flagship innovation has slipped in past years. The Galaxy S10 may not be able to outpace its rivals in a few key areas. Samsung is currently the largest phone brand on the planet by sales volume, but it's hardly sitting pretty. Phones sales are slowing down, with even trillion-dollar Apple warning investors that it hasn't sold as many new iPhones as expected. Samsung needs its 10th anniversary Galaxy S10 to impress if it's going to keep its place at the top. ....
 
Leggi tutto

Google, il diritto all’oblio non è globale: l’Europa non può decidere per il mondo intero

Tecnologia
Paese che vai, storia che trovi. È questo più o meno il senso delle conclusioni con le quali l’avvocato generale della Corte di giustizia Maciej Szpunar ha suggerito ai giudici europei di decidere che quando Google disindicizza un contenuto in accoglimento di una richiesta di “oblio”, il contenuto in questione deve divenire inaccessibile, via Google, dall’Europa ma non anche dal resto del mondo. L’Europa non può decidere – è la posizione dell’avvocato generale – a quali contenuti i cittadini del mondo intero abbiano o non abbiano diritto di accedere, perché si tratterebbe di un’ingerenza sproporzionata nelle regole globali sulla libertà di informazione. È, più o meno, la posizione che Google aveva sostenuto davanti alla Cnil – il Garante francese per la protezione dei dati personali – che, al contrario, l’aveva addirittura multata perché si era rifiutata di garantire la disindicizzazione globale dei contenuti. ...
 
Leggi tutto

2019 anno dell'intelligenza artificiale, ecco i rischi

Tecnologia
Dalle auto che si guidano da sole che fanno un incidente mortale alle elezioni truccate, alcune minacce dall'uso dell'intelligenza artificiale non sono più fantascienza ma rischi concreti. La rivista del Mit ha raccolto i sei più probabili per quest'anno. Il primo pericolo citato riguarda proprio le auto autonome,con un prototipo che già nel 2018 ha causato un incidente mortale, problema che potrebbe ripetersi dato il boom di sperimentazioni in corso. Un altro rischio è che le intelligenze artificiali influenzino il risultato di elezioni politiche nel mondo attraverso i bot, algoritmi addestrati a 'usare' i social. Questo può avvenire anche negli Usa. "La lunga corsa verso le presidenziali del 2020 è già iniziata - spiegano gli esperti del Mit -, e potrebbe ispirare nuovi tipi di tecnologie per la disinformazione". Altri settori molto delicati da tenere d'occhio nel 2019 sono il riconoscimento facciale, già usato da diverse polizie, che può portare a grandi violazioni della privacy, le armi autonome, di cui l'Onu dovrebbe varare un bando quest'anno ma su cui la ricerca è molto attiva, e i cosiddetti "deep fake", video fasulli creati con l'intelligenza artificiale talmente perfetti da sembrare veri. Attenzione, infine, alle discriminazioni di razza e genere intrinseche negli algoritmi, che è emersa da diversi studi, e che può creare problemi ad esempio se l'intelligenza artificiale si usa per le selezioni per un posto di lavoro....
 
Leggi tutto

Mobilità senza barriere: Toyota premia Italdesign per il “kart” per sedie a rotelle

Tecnologia
C’è anche un’azienda italiana tra i finalisti della Mobility Unlimited Challenge , il concorso che la Toyota Foundation, insieme con il Nesta Challenge Prize Center, ha finanziato nel 2017 con 4 milioni di dollari: obiettivo, incentivare la ricerca tecnologica applicata al miglioramento della mobilità e dell’indipendenza delle persone con paralisi agli arti inferiori e in generale con disabilità e problemi motori. I finalisti, 5 in totale, sono stati annunciati e premiati nel corso dell’ultimo Ces di Las Vegas: a portare alto il tricolore è Italdesign, storica azienda torinese specializzata nello sviluppo di prototipi e nuovi veicoli, che ha presentato Moby, il primo servizio di mobilità progettato per chi utilizza una sedia a rotelle che funziona in modalità sharing....
 
Leggi tutto

I rischi del riconoscimento facciale

Tecnologia
Dagli errori causati dai pregiudizi algoritmici al timore di essere tutti sorvegliati: perché i pericoli delle nuove tecnologie vengono sottovalutati La polizia di Londra ha iniziato a testare la tecnologia per il riconoscimento facciale (che permette di confrontare in tempo reale i volti inquadrati dalla telecamere con quelli presenti nel database delle forze dell’ordine) nelle zone centrali della città. La sperimentazione si è tenuta nelle giornate di lunedì e martedì e proseguirà con altri tre test da tenersi nel 2019. Stando a quanto dichiarato dalle forze dell’ordine, tutto ciò è stato fatto “apertamente e in presenza di personale in ......
 
Leggi tutto

Sharing economy: così cambia il mercato, ora in condivisione anche giardini e garage

Tecnologia
Spazi verdi per feste o campeggio, posti auto a ore e negozi che offrono un deposito bagagli per i turisti, ecco cosa fare per condividerli Condividere il condivisibile Qualsiasi porzione del nostro avere contemporaneo può essere condivisa e monetizzata. Nell’ottica dello sharing, si può affittare il proprio spazio verde con annesso barbecue, il negozio di quartiere può aiutare le schiene dei turisti a trovare sollievo offrendo qualche metro quadrato al deposito di borse e zaini e pure l’umile garage può diventare l’occasione per un’entrata extra...
 
Leggi tutto

Guzzetti, gli investimenti al servizio del welfare. Giuseppe Guzzetti avvia la transizione del sistema Cariplo, gigante da 8 miliardi di patrimonio, grande socio di Intesa, importante operatore sul territorio

Economia
La successione è sempre un passaggio delicato nelle grandi istituzioni. Soprattutto quando si tratta di una realtà che ha definito i suoi contorni, le sue linee di attività, le sue modalità di intervento e di indipendenza, per il lungo lavoro di chi ne è alla guida da più di vent’anni. È la storia della Fondazione Cariplo e dell’avvocato Giuseppe Guzzetti, presidente dal 5 febbraio 1997. Un’eredità impegnativa, dal momento che in questi anni la Fondazione delle Casse di risparmio delle province lombarde, è stata protagonista di un cambiamento profondo. Dalla proprietà della banca-simbolo dell’economia lombarda, di cui deteneva il 100% fino alla sua privatizzazione, alla creazione del primo gruppo bancario italiano, Intesa Sanpaolo, al nuovo modo di fare welfare in un tempo nel quale lo Stato sta gradualmente arretrando per i vincoli di bilancio. Fino al punto di giocare un ruolo di supplenza e di gestione di vere e proprie politiche sociali. Una specie di lenta rivoluzione che ha cambiato il confine tra attività pubbliche e attività private di interesse pubblico....
 
Leggi tutto

La Fiat c’est moi. A sei mesi dalla morte di Marchionne, Elkann ha più cariche di quelle che aveva il nonno.

Economia
A sei mesi dalla morte di Sergio Marchionne (25 luglio 2018), l’uomo forte della galassia Agnelli è sempre più John Elkann, che non rappresenta più soltanto il proprietario -in ultima istanza- dell’impero industriale della dinasta torinese, ma che ne è diventato anche il dominus in termini operativi, come ha del resto dimostrato la rivoluzione tecnica avvenuta in settimana alla guida del team di Formula 1 della Ferrari (con la nomina di Mattia Binotto come team principale al posto di Maurizio Arrivabene). Una vicenda in cui proprio Elkann ha avuto l’ultima parola. In questa veste però, e dall’alto di tutte le cariche di vertice del gruppo assommate (presidente di Exor , di Fca , di Ferrari e della cassaforte di famiglia Giovanni Agnelli Bv) il nipote dell’Avvocato Agnelli dovrà guidare tutta la galassia verso il futuro. Soprattutto dovrà traghettare Fca nel risiko del settore auto. Un universo che alla luce dell’emergere delle nuove tecnologie che stanno per invadere il settore e del recente accordo tra Volkswagen e Ford (i cui dettagli saranno svelati in settimana al Salone dell’auto di Detroit) si presenta sempre più complicato per Fca che in un solo colpo ha visto ridursi i due possibili partner una possibile aggregazione. La morte di Marchionne (cui il rampollo era molto legato) ha d’altronde imposto a Elkann un salto importante da un punto di vista qualitativo e non a caso da quei tragici giorni di luglio ogni decisione di una certa rilevanza relativa alle controllate principali dell’impero (e non sono state poche- sinora) porta la firma dell’erede designato. Con il risultato che mai come in questo momento- forse nemmeno ai tempi del nonno Gianni- la galassia Agnelli è governata da un quasi monarca assoluto (tanto più dicono i frequentatori della dinastia che il francese è una lingua molto conosciuta in casa Elkann)....
 
Leggi tutto

Diktat Bce a Mps: Npl svalutati a zero in sette anni

Economia
Mentre il caso Carige domina le cronache, dalle retrovie sembra tornare il caso Mps. A riaccendere i riflettori sulla tormentata banca senese è la stessa Banca centrale europea. Che lo scorso 5 dicembre ha inviato all’istituto una lettera contenente le nuove richieste dei requisiti prudenziali da rispettare per il 2019. Ma soprattutto ha indicato i rischi e i punti di debolezza che la banca deve affrontare. Si tratta di un autentico cahier de doléances, in cui si evidenzia la necessità di migliorare la redditività, fino ad oggi «inferiore agli obiettivi di Piano». Ma anche la posizione patrimoniale, «indebolita dall’impossibilità di emettere» nei mesi scorsi dei bond subordinati Tier 2 e su cui hanno pesato gli impatti «diretti e indiretti» della dinamica spread BTp-Bund. Proprio sul tema della raccolta, gli ispettori di Francoforte lanciano l’allarme. E mettono in evidenza le «significative» sfide poste dal piano di ristrutturazione sul lato del funding e sulla capacità di Mps di «attuare con successo la propria strategia di raccolta, viste le turbolenze che si stanno verificando nei mercati italiani»....
 
Leggi tutto

Carige, Moody's mette sotto osservazione il rating (Caa3)

Economia
Nella complicata vicenda Carige adesso entra in scena anche Moody's. L'agenzia di valutazione ha messo osservazione il rating Caa3 della banca ligure indicando però una "direzione incerta". La scelta, come si legge in una nota diramata oggi, recepisce "i recenti eventi di mercato, tra cui le decisioni della Bce e del Governo italiano che probabilmente influenzeranno concretamente il rischio per i crediti senior". I possibili scenari, ricorda l'agenzia di rating, includono "una vendita a un partner più forte, una nazionalizzazione o un intervento del regolatore".Tre opportunità che "potrebbero essere positive o negative per i creditori a seconda di come le transazioni saranno strutturate". Questa decisione di Moody's riflette "il potenziale di questi diversi scenario di avere effetti sui rating sia in senso positivo che negativo". Nel documento viene inoltre ricordato come la Banca Centrale sia intervenuta "con l'obiettivo di consentire all'istituto ligure di perseguire gli obiettivi del piano strategico. Questo potrebbe essere positivo per i creditori senior, ma l'incapacità di raccogliere capitale all'assemblea straordinaria di dicembre per sostituire il bond sottoscritto dallo Schema volontario del Fondo interbancario pone un elemento di tensione concreta sulla redditività della banca"....
 
Leggi tutto

Bper, pronto un subordinato per liquidare l’ente Sardegna

Economia
In vista della presentazione del prossimo piano industriale Bper prova a definire i passaggi chiave di un’operazione da tempo sul tavolo: l’acquisto del 49% del Banco di Sardegna. Quota ancora nel portafoglio della Fondazione Banco di Sardegna ma oggetto di una lunga trattativa. A valle della quale sarebbe stato definito un primo schema di accordo che prevede una duplice modalità di pagamento per liquidare l’ente: azioni Bper e l’emissione di un prestito subordinato. Finanziamento, quest’ultimo, che sarebbe peraltro destinato a venir sottoscritto dalla Fondazione stessa. Più nel dettaglio, stando a quanto si è appreso, l’istituto sarebbe al lavoro proprio per definire taglia e condizioni del subordinato. La Fondazione Banco di Sardegna ha in carico il pacchetto ad un valore di poco superiore ai 350 milioni di euro. Tale valore, come scritto nel bilancio dell’ente, risulta inferiore però al cosiddetto “valore di libro” del Banco di Sardegna, cioè a quello che scaturisce guardando al patrimonio netto. In particolare, quest’ultimo sarebbe pari a 1,2 miliardi di euro complessivi per l’intera banca....
 
Leggi tutto

Nomine, dal governo via libera solo sull'Enit. Tutto ancora fermo sui fronti Consob e Istat

Economia
Sulle nomine, le partite più importanti restano ancora aperte. Dal consiglio dei ministri di ieri sera è arrivato il via libera solo su due caselle minori del grande scacchiere che Lega e 5 Stelle si stanno adoperando per riempire. La prima è quella di Alfredo Mortellaro a capo dell'Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali. Per la guida dell'Enit invece, l'ente per la promozione del turismo che il Movimento 5 Stelle definiva lo scorso anno un "carrozzone", ricettacolo di conflitti di interessi, il governo ha scelto il numero uno di Federturismo Giorgio Palmucci. Palmucci, ha ricordato il mese scorso Sergio Rizzo su Affari e Finanza citando anche Lettera43 - oltre ad essere stato capo dell'attuale ministro dell'Agricoltura e del Turismo Centinaio è ora vicepresidente di Th Resort, società che gestisce alcuni villaggi Valtur e partecipato al 46% dalla Cassa depositi e prestiti....
 
Leggi tutto

Piazza Affari fiacca per la produzione industriale in calo e lo shutdown Usa

Affari Personali
Tra i finanziari, giù Ubi Banca (-3,01%), Banco Bpm (-2,97%), Bper (-1,68%) e Intesa Sanpaolo (-0,49%), mentre hanno chiuso sopra la parità Mediobanca (+1,25%) e Unicredit (+0,8%), una delle banche più attive sul dossier Carige in caso di aggregazione dell'istituto ligure. Contrastati i petrolieri con Eni che cede a fine giornata lo 0,51% e Tenaris lo 0,91%. Bene invece Saipem (+0,83% a 3,77 euro) sui PMorgan ha alzato la raccomandazione da neutral a overweight, con prezzo obiettivo che scende da 4,9 a 4,7 euro. In recupero poi Fca (+2,5% a 14,21 euro), che ha accelerato al rialzo in scia alla notizia che General Motors ha alzato la sua guidance di utile 2018 e ha fornito prospettive favorevoli per l'anno appena iniziato. Ottima performance anche per Campari (+2,31% a 7,75) su cui Ubs ha alzato la raccomandazione da sell a neutral, con prezzo obiettivo che passa da 5,1 a 7,7....
 
Leggi tutto

IL PORTAFOGLIO DEGLI ITALIANI. Risparmio, costi al top d’Europa e raccolta in frenata

Affari Personali
«Difficile», «complesso», «intenso». Basta scorrere gli aggettivi con cui i manager delle principali società italiane attive nel risparmio gestito hanno accompagnato i dati sulla raccolta 2018 pubblicati questa settimana per capire come l’anno appena concluso non sia stato una passeggiata per l’intera industria. Se i dati definitivi di Assogestioni lo confermeranno, come è probabile, gli ultimi 12 mesi, pur positivi, faranno segnare il dato peggiore da quando nel 2013 è iniziata la riscossa del settore, mentre il patrimonio gestito potrebbe ridursi per la prima volta dal 2011. A crescere, o quantomeno a non diminuire rispetto al recente passato, sono invece le commissioni caricate sui fondi: una circostanza che non farà certo piacere ai clienti che hanno visto invece erodere i propri risparmi da dodici mesi di magre performance, e che con Mifid 2 saranno ancora più consapevoli dei costi sostenut...
 
Leggi tutto

OfNews

Il 2019 delle PMI italiane. Meno credito e più servizi alternativi. Le novità di Intesa Sanpaolo

In una fase di riduzione costante dell’erogazione di credito, le banche sono alla ricerca di metodi nuovi e alternativi per supportare il tessuto produttivo italiano. Intesa Sanpaolo, ad esempio, punt...

Leggi tutto

Gennaio 2019. I migliori conti correnti, mutui, prestiti

Il 2019 si apre confermando gli aumenti per conti correnti e mutui. Ma sono stati anche lanciati nuovi prodotti e promozioni: Creval presenta una nuova gamma di conti attualmente solo disponibile in a...

Leggi tutto

Costabile (DeepCyber): Computer vs Criminali? Ecco come l’AI aiuta a migliorare la sicurezza

Tra gli ambiti di applicazione più comuni delle reti neurali, vi è quello della sicurezza. Ci sono super-computer utilizzati per prevenire le frodi online. Reti e algoritmi che aiutano a pattugliare c...

Leggi tutto

Dicembre 2018. I migliori conti correnti, mutui, prestiti

Continuano ad aumentare i costi dei conti correnti, ultimo esempio quello di ING. E aumentano anche i Tan dei mutui. Ma il periodo natalizio porta anche numerose promozioni da parte delle banche su co...

Leggi tutto

Il 2018 delle banche

Leggi tutto

Il futuro della web TV

Netflix, Sky, Amazon & co. E’ iniziata la guerra dello streaming TV

E’ un mercato che vale miliardi. Netflix, finora, ha avuto gioco facile, ma la concorrenza sta diventando sempre più agguerrita. Stanno nascendo servizi di TV digitale. Nuovi attori hanno annunciato i...

Leggi tutto

Il futuro della web TV: ecco cosa guarderemo

Netflix si è aggiudicata registi premio Oscar (i fratelli Coen), scrittori e sceneggiatori pluripremiati (la Shonda Rhimes di Grey’s Anatomy) e presentatori TV tra i più importanti degli USA (David Le...

Leggi tutto

La TV del futuro? Si mimetizza, è intelligente e…

Da Samsung arriva il televisore che si confonde con l’ambiente, si accende e si spegne da solo, e controlla gli oggetti connessi che ci sono in casa. Panasonic punta sulla TV intelligente. Sony, invec...

Leggi tutto

Migliore App finanza

Le migliori app per la finanza: lo scenario

Leggi tutto

Le migliori app per le assicurazioni

Leggi tutto

Speciale investimenti

Azioni (2018): come portare a casa il 6-8%

Leggi tutto

Quanto paga la liquidità?

Leggi tutto

@of_osservatorio

Contatti

Of Osservatorio finanziario

OfNews è una realizzazione di Of Osservatorio finanziario. Leggi Privacy Policy.

Visita il sito