logo-mini

OF News Aggregator

Per iscriversi o disattivarsi dalla mailing list

Uscita di venerdì 19 ottobre 2018

Durissima lettera della Ue all'Italia: "Manovra, deviazione grave senza precedenti"

Cover Story
Valdis Dombrovskis e Pierre Moscovici hanno inviato la lettera con la quale la Commissione europea critica duramente il Progetto di bilancio inviato il 15 ottobre dal Consiglio dei ministri a Bruxelles. Lo stesso Cdm dal quale è uscito il decreto fiscale con il pasticcio del condono, che sta spaccando il governo di Lega e M5s. Nella missiva, che piomba su Roma durante l'incontro tra il ministro al Tesoro, Giovanni Tria, e lo stesso Moscovici, il vicepresidente e il commissario agli Affari economici elencano una serie di criticità evidenti. La lettera della Commissione. Innanzitutto, il bilancio italiano mostra una deviazione "senza precedenti nella storia del Patto di stabilità", sia per il fatto che contempla una espansione vicina all'1% - mentre il Consiglio aveva invitato l'Italia a una correzione fiscale - sia per una deviazione dagli obiettivi pari all'1,5%. Alla luce di questi fattori, si profila "un non rispetto particolarmente serio con gli obblighi del Patto" e si chiede al Governo di dare una risposta ai rilievi entro lunedì 22 ottobre. ...
 
Leggi tutto

Conte evoca le dimissioni dopo le liti sulla pace fiscale: ira nella notte a Bruxelles

Cover Story
«Sono io il capo». Lo dice ai cronisti, ma sembra ricordarlo a se stesso. Giuseppe Conte scende dalla macchina poco prima dell’una di notte, il doorman dell’hotel Amigò con il suo elegante cilindro nero apre le porte girevoli, lui è tirato in viso e si dirige verso i giornalisti offrendo una metafora della funzione che ricopre: «Guardate quanto è pesante questa borsa». Una battuta, ma sino ad un certo punto, visto che la borsa passa veramente di mano, spiazzando un pò tutti. Giuseppe Conte alla fine della prima giornata del Consiglio europeo è molto provato, glielo si legge in faccia, nella voce molto tirata, nelle risposte stentate alle domande che gli vengono poste. In Italia è scoppiata l’ennesima lite fra la Lega e i 5 Stelle, addirittura in tv e mentre lui cercava con fatica e molte dosi di diplomazia di spiegare che il suo governo è moderato come la manovra economica che ha varato, che qui a Bruxelles si possono fidare. Un’opera quasi inutile viste le notizie che arrivavano da Roma e che alla fine provocano un vero e proprio sfogo da parte del premier: «Non possono pensare che io sopporti tutto, l’ho detto a chi di dovere, sono anche pronto alle dimissioni»....
 
Leggi tutto

Lo spread sfonda quota 320: lo scontro con la Ue costa 200 punti

Cover Story
Lo spread BTp-Bund si è spinto oltre quota 320 punti (325) in un’altra giornata estremamente volatile (dopo un’apertura in forte rialzo in mattina è sceso sotto i 310 per poi ritornare a superare i 320 punti nel pomeriggio). Questo nuovo scatto - che porta lo spread su livelli che non vedevamo dal 2013- segnala il nervosismo degli investitori alla luce dell’incognita sull’approvazione della manovra da parte della Commissione europea che ha ricevuto una bozza il 15 ottobre. Il commissario agli Affari economici e monetari, Pierre Moscovici, ha consegnato al ministro dell'Economia, Giovanni Tria, una lettera in cui solleva i timori delle autorità europee sulla manovra italiana. Entro lunedì la risposta dell’Italia. Roma tratterà o no con Bruxelles? Gli investitori stanno scontando il fatto che da Bruxelles rispediranno il testo indietro con la richiesta di apportare modifiche. A quel punto il nodo riguarda la disponibilità del governo a trattare. In caso contrario si aprirebbe una procedura d’infrazione che - per quanto comporti tempi molti lunghi di attuazione - potrebbe sin nell’immediato mantenere alta la fibrillazione sullo spread. Che a sua volta si riverbera sulle nuove aste del Tesoro che in questa fase sta fissando - per tutta la durata dei nuovi titoli emessi - tassi più alti di quelli che rappresentano i fondamentali strutturali ed economici del Paese, pagando in modo duraturo quella che gli investitori si augurano siano solo una tensione passeggera....
 
Leggi tutto

Salvini e la crisi con Di Maio: «Governo avanti. Almeno fino alle Europee»

Cover Story
L’introduzione della Var in Consiglio dei ministri potrebbe tornar utile al governo per rivedere in tempo reale le azioni incriminate ed evitare clamorose figuracce. Ma se la moviola fosse stata già operativa nella riunione sul decreto fiscale, Di Maio non avrebbe potuto dire ciò che poi ha detto, allungando l’ombra del sospetto sulla Lega e in particolare su Giorgetti. Le immagini mostrerebbero infatti il sottosegretario alla Presidenza che abbandona il salone, mandando rumorosamente a farsi benedire Conte, Fraccaro e lo stesso Di Maio, siccome il premier e i ministri grillini gli avevano appena bocciato una norma a favore delle società sportive dilettantistiche, a cui voleva consentire una «pace fiscale» entro i trentamila euro....
 
Leggi tutto

Fragili allo scontro

Cover Story
E adesso si sono davvero spalancate le porte di una crisi inedita. Più che di una crisi di governo strisciante, che si consuma nella surreale vicenda del decreto fiscale tra l'ossessione delle "manine" e le "parolone" che volano tra gli alleati di governo, sono tutti gli elementi di una "crisi di sistema" a manifestarsi nel giorno più nero dell'attuale legislatura. Di sistema, e dunque straordinaria. Più che politica. E chissà se è un caso che Sergio Mattarella, ricordando Gronchi che fu criticato, ai tempi, di eccessivo interventismo, ha ricordato che al capo dello Stato spetta "segnare indirizzi e orientamenti", cosa che evidentemente sarà costretto a fare di qui a breve, quando divamperà l'incendio sui mercati preannunciato dalle fiammate odierne. Con lo spread, dopo la lettera della commissione che preannuncia la bocciatura, salito oggi, 18 ottobre, a 327 punti base, toccando i massimi livelli dal 2013, la borsa di nuovo in rosso, le banche, il cui capitale è sceso al di sotto della soglia minima di regolamentazione europee. E l'annunciato declassamento delle agenzie di rating, previsto per la prossima settimana....
 
Leggi tutto

Le aspettative irragionevoli degli euroscettici

Cover Story
Secondo le dichiarazioni dei suoi esponenti di vertice, la strategia del governo italiano per scrollarsi di dosso le regole europee e acquisire maggiori margini di manovra fiscale, è di attendere le elezioni di maggio prossimo per il rinnovo del Parlamento europeo e poi far leva su un nuovo spirito euroscettico che potrebbe prendere piede anche negli altri Paesi. Secondo le proiezioni disponibili sul voto di maggio si tratta tuttavia di un’aspettativa poco ragionevole. La grande maggioranza delle società che rilevano le intenzioni di voto stima spostamenti importanti all’interno dei singoli Paesi che però finiscono per attenuarsi quando i dati si aggregano nel totale dei 740 seggi del Parlamento europeo. L’attesa per una scossa agli equilibri consolidati non è di per sé assurda. Secondo un sondaggio di Eurobarometro oggi solo il 44% degli italiani voterebbe per restare nella Ue in un ipotetico referendum (il 24% vorrebbe uscire, il 32% non sa). Non solo. Il voto europeo ha caratteri diversi da quello nazionale e gli elettori spesso ne fanno uso per esprimere sentimenti di protesta verso chi governa. Tuttavia la media delle rilevazioni disponibili indica che i partiti pro-europei dovrebbero controllare ancora circa due terzi del parlamento di Strasburgo, perdendo quindi solo pochi punti rispetto al 70% del 2014....
 
Leggi tutto

Il Mef e la caccia al tesoro finanziaria

Cover Story
Ottobre è il mese dell'educazione finanziaria. E il ministero dell'Economia si è doverosamente lanciato in una massiccia campagna di informazione, tramite un suo Comitato ad hoc, che ha una precisa missione: "Promuovere iniziative di sensibilizzazione per migliorare in modo misurabile le competenze dei cittadini in materia di risparmio, investimenti, previdenza, assicurazione". Dal Nord al Sud finora è stato - ed ancora sarà nelle settimane che verranno - un fiorire di seminari, convegni, iniziative. Chissà se quando è stata programmata la lodevole iniziativa, la struttura del Mef immaginava che la situazione del risparmio e degli investimenti italiani avrebbe attraversato una fase così concitata: spread sopra quota 300, tassi dei Btp in volo, debito pubblico che aumenta. Ma anche se non lo avesse fatto, dovrebbe cogliere l'opportunità per far partecipare agli incontri didattici diversi componenti dell'esecutivo, che stanno contribuendo a questa situazione. "Il tempo è denaro", titolo del seminario organizzato tra gli altri dalla Città Metropolitana di Torino, meriterebbe una attenta e concentrata partecipazione del ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, che ha impiegato due mesi per elaborare il decreto che fronteggiava l'emergenza causata dal crollo del ponte Morandi a Genova. Costruito con "tecnica giuridica sopraffina" (parole del ministro stesso) e realizzato con il cuore, il decreto è stato bocciato dall'Autorità Anticorruzione, che lo ha giudicato a rischio di infiltrazioni mafiose....
 
Leggi tutto

Rome rebuked by Brussels for breaking EU budget rules

Cover Story
Brussels has reprimanded Italy’s populist government for breaking EU deficit rules in its first budget, putting the European Commission on course for an unprecedented rejection of a eurozone member’s spending plan. The EU rebuke helped spook investors already nervous about the new government’s disregard for the rules adopted during the eurozone debt crisis, sending Italian borrowing costs to their highest levels in four years. The formal notification to Rome came in a letter from the EU’s top economic officials to Italy’s finance minister, Giovanni Tria. Brussels has issued such rebukes before, but noted that Italy’s violation was far worse, saying its deviation from prior promises was “unprecedented in the history” of EU budget rules. Giuseppe Conte, Italy’s prime minister, remained defiant at a summit in Brussels where he clashed with fellow eurozone leaders over the spending plans. “All this cannot worry us,” Mr Conte said. “It would have worried us if we had presented a reckless budget. But our budget is well thought out.” ...
 
Leggi tutto

Italy’s ambitious budget proposals in charts

Cover Story
Italy’s new budget plan  has landed with a thud on desks in Brussels. The proposals mark a big change, of course, from the populist coalition in Rome, which has thrown out the previous administration’s commitment to reduce the budget deficit. Instead, prime minister Guiseppe Conte’s government, prodded by the election pledges of the Five Star Movement and the League, is to raise spending, saying this will stimulate growth. Its plan for a 2.4 per cent fiscal deficit in 2019 is much higher than Brussels wants — but lower than that of France, Spain, Japan or the US. It is also about half of what economists said the original cost of the government’s spending promises would be. ...
 
Leggi tutto

Mps, torna l’opzione BancoPosta

Economia
Il Montepaschi è entrato nell’agenda del governo. Anche se in queste settimane l’attenzione resta concentrata sulla manovra finanziaria, nell’esecutivo si è iniziato a discutere sul futuro della banca senese. La prima mossa sarà probabilmente una rivisitazione della governance con qualche passaggio di consegne in consiglio di amministrazione. A lasciare la poltrona ad esempio potrebbe essere il vice presidente Antonino Turicchi che, come riportato da MF-Milano Finanza lo scorso 9 ottobre, sarebbe rimpiazzato da una figura vicina al nuovo governo. Meno scontata è la sostituzione dell’amministratore delegato Marco Morelli che pure, con senso di responsabilità, avrebbe messo il mandato a disposizione dell’azionista pubblico. A suggerire prudenza al ministro dell’Economia Giovanni Tria non è solo l’attenzione che Bce e Commissione Europea riservano al Monte, ma anche l’oggettiva difficoltà di individuare candidati disponibili e in possesso dei requisiti fit and proper....
 
Leggi tutto

La mega truffa sui dividendi tocca Deutsche Bank e Santander

Economia
Rischia di diventare la più importante inchiesta per frode in Germania dal Dopoguerra a oggi, giocata attorno a quella che le autorità hanno definito una truffa sui dividendi. E che pare sia già costata ai contribuenti tedeschi oltre 55 miliardi di euro. Ma il timore è che l'effetto dirompente si estenda a mezza Europa, Italia compresa. Il fascicolo prende il nome di CumEx-Files e su questo vi stanno lavorando dall'aprile del 2013 (con una forte accelerazione negli ultimi mesi) tre procure su fatti avvenuti fra il 2006 e il 2009. Si tratta di Francoforte, Monaco e Colonia. Quest'ultima è fra l'altro specializzata in crimini fiscali internazionali. Nelle ultime ore stanno emergendo dai media tedeschi diversi particolari sulle indagini, grazie al lungo lavoro svolto in 12 nazioni da 19 gruppi editoriali riuniti nella newsroom Correctiv. Secondo l'accusa, le banche coinvolte nella truffa avrebbero fuorviato lo Stato tedesco su due livelli: il primo accreditando il dividendo nella giornata di stacco a più soggetti, che risultavano tutti titolari dell'azione, e il secondo perché questi ultimi maturavano un credito fiscale dalla cedola. Oggi il Tagesschau scrive che alla fine dei conti si è trattato di danni per 55,2 miliardi nei confronti del Fisco di Berlino. Ma non riguarderebbe solo la Germania, anzi....
 
Leggi tutto

Per Kepler l'efficienza di Banca Sistema vale un +42%

Economia
Banca Sistema, istituto specializzato nel factoring relativo ai crediti con la pubblica amministrazione, brilla sul segmento Star di Borsa Italiana con un +2,27% a 1,89 euro. Stamani Kepler Cheuvreux ha avviato la copertura dell'azione con un giudizio buy e un prezzo obiettivo a 2,7 euro, un valore che indica un potenziale di apprezzamento del 42% rispetto ai prezzi attuali. Secondo gli esperti Banca Sistema spicca per efficienza tra i concorrenti e il titolo del report che avvia la copertura è proprio "Essere efficienti, quando gli altri sono inefficienti"....
 
Leggi tutto

Piazza Affari (-1,9%) paga tensioni nel Governo. Spread al top da 5 anni

Affari Personali
A Piazza Affari le banche hanno risentito dell'andamento dello spread e delle vendite sui titoli di stato. Banco Bpm ha guidato i ribassi cedendo il 5,7%, Ubi Banca, Intesa Sanpaoloe Unicredit hanno lasciato sul parterre oltre il 3%. Ed ancora, Banca Pop Er ha registrato un calo del 2% La performance peggiore del Ftse Mib è stata quella di Buzzi Unicem, in ribasso del 6,4% sulla scia delle azioni europee del cemento, penalizzate dal peggioramento dell'outlook per il 2018 da parte della tedesca Heidelberg Cement, quella che ha rilevato anni fa l’italiana Italcementi. Nel dettaglio il gruppo teutonico ha tagliato le previsioni per il 2018 citando le difficoltà climatiche che si sono verificate negli States, oltre che l'aumento dei prezzi dell'energia superiore alle attese....
 
Leggi tutto

L'assenza dei buyback zavorra temporaneamente Wall Street

Affari Personali
Dopo il rimbalzo di martedì 16 ottobre, ieri Wall Street ha chiuso in leggero calo. Il Dow Jones è sceso dello 0,36%, l'S&P 500 dello 0,03% e il Nasdaq Composite dello 0,04%. A spaventare la borsa Usa sono state le parole della Fed con le minute della riunione di settembre della Federal Reserve che hanno rivelato un atteggiamento maggiormente aggressivo sui tassi da parte di alcuni membri del board, secondo cui è consigliabile adottare una politica monetaria leggermente restrittiva, almeno temporaneamente, per evitare un surriscaldamento dell'economia Usa. Secondo la maggior parte dei governatori, le condizioni finanziarie sono ancora abbastanza favorevoli da incoraggiare i prestiti, gli investimenti e la spesa. L'intero board si è detto favorevole a continuare nel percorso di rialzo graduale dei tassi. Ma a zavorrare Wall Street non c'è solo la Fed, accusata nei giorni scorsi da Donald Trump di remare contro la crescita Usa. Secondo Olivier De Berranger, chief investment officer di La Financière de l'Echiquier, bisogna tenere conto anche dell'assenza dei buyback. "Un fattore tecnico importante è il periodo di black-out che precede la pubblicazione dei risultati aziendali negli Stati Uniti. In questo lasso di tempo, che durerà fino alla fine del mese, le aziende americane non possono fare buyback. Ora, da un anno, sostenute dalla riforma fiscale che ha consentito loro di rimpatriare le liquidità detenute all'estero, le aziende americane sono state quasi gli unici acquirenti netti di azioni americane. Questo periodo di black-out sottrae quindi un fattore di sostegno importante al mercato americano"....
 
Leggi tutto

Mutui verdi, il primo prodotto finanziario annunciato in Uk

Affari Personali
Ironia della sorte, esordiranno proprio nella Gran Bretagna prossima alla “brexit” i primi “mutui verdi” con il bollino europeo. O, per meglio dire, prestiti verdi. Arriva da un accordo sottoscritto fra Bnp Paribas Personal Finance ed E.On il primo esempio pilota sorto in seno all'iniziativa Energy Efficient Mortgages, finanziata con fondi Ue-Horizon 2020,che mira allo sviluppo di un mercato continentale di finanziamenti vincolati al miglioramento dell'efficienza energetica delle abitazioni. Un progetto che coinvolge decine di stakeholder e banche, compresi soggetti italiani o operanti in Italia (Abi, Enea, Crif, Green building council, Rics, Mps, Bpm, Bper, Crédit Agricole, Société Générale, Volksbank, Friulovest Banca, Unicredit)....
 
Leggi tutto

Analisi. Il petrolio non ha fiato per correre

Affari Personali
Meglio non farsi trarre in inganno dal petrolio. Le quotazioni di queste settimane, con il Brent intorno ai 80 dollari al barile e il WTI a 75 dollari (i massimi degli ultimi quattro anni), secondo gli analisti di Morningstar, sono il frutto di questioni politiche che non tengono conto di un elemento: la capacità degli Stati Uniti di far arrivare sul mercato il suo shale oil. “Crediamo che il mercato stia sottovalutando la capacità del petrolio di scisto di far tornare il mondo del petrolio in una situazione di sovraproduzione”, spiega Joe Gemino, analista di Morningstar. “L’estrazione Usa a giugno ha raggiunto nuovi record storici e potrebbe toccare altri massimi in futuro”. Del resto, sottolinea l’analista, i prezzi a cui si sta muovendo il barile in questi giorni sono un invito a produrre, visto che danno alle società estrattive buoni margini di guadagno. L’arrivo sul mercato del petrolio Made in Usa, insomma, sarà in grado di riempire quegli inventory che si erano inariditi dopo i tagli alla produzione decisi dall’Opec per cercare di sostenere i prezzi e a seguito della crisi in venezuelana che aveva fatto diminunire l’estrazione del paese sudamericano. Il cartello dei paesi produttori, peraltro, ha deciso di aumentare l’estrazione di 600mila barili al giorno a partire da luglio di quest’anno....
 
Leggi tutto

Covip, quasi la metà degli investimenti delle Casse è in attività domestiche

Affari Personali
Gli investimenti domestici delle casse professionali ammontano a 34,4 miliardi di euro, mentre gli investimenti non domestici si attestano a 36,9 miliardi. Quidi circa la metà di quanto investito dalle Casse, il 48%, è in attivi domestici. E' quanto emerge dal quadro di sintesi sul patrimonio delle casse professionali al 31 dicembre 2017, presentato dal presidente della Covip, Mario Padula. Diversa la situazione per i fondi pensione che presentano invece una maggiore diversificazione. Questi ultimi infatti hanno investito nell'economia italiana 38,3 miliardi di euro, mentre gli investimenti non domestici ammontano a 79,5 miliardi. Considerando le attività al netto di liquidità, polizze assicurative e altre attività (soprattutto formate da crediti contributivi), l'incidenza della componente domestica è pari al 48,2% per le casse e al 32,5% per i fondi pensione. Per le casse, nell'ambito degli investimenti domestici sono predominanti gli investimenti immobiliari, mentre per i fondi pensione la componente più rilevante è costituita dai titoli di Stato. Nel 2017 le risorse complessive delle casse professionali hanno un valore di mercato di 85,3 miliardi di euro, in aumento del 6,6% rispetto al 2016; dal 2011 al 2017, le attività delle casse sono cresciute complessivamente del 53,2%, passando da 55,7 a 85,3 miliardi. ...
 
Leggi tutto

Pensioni, perché quota 100 premia le province del Nord

Affari Personali
Un anticipo di 5 anni per uscire dal mercato del lavoro. Con la quota 100, prevista dal disegno di legge di Bilancio, chi avrà 38 anni di contributi potrà chiedere la pensione a 62 anni, rispetto ai 67 anni previsti per la vecchiaia o, in alternativa, i 43 anni e 3 mesi di contributi per l’uscita anticipata a prescindere dall’età. Una possibilità che dovrebbe essere alla portata di circa 400mila lavoratori senior, come stimato dal Governo. E che potrebbe aumentare il peso delle pensioni anticipate sul totale degli assegni. Nel 2018 su 17,9 milioni di pensioni vigenti al 1° gennaio, quasi 14 milioni sono di natura previdenziale (vecchiaia, invalidità e superstiti) e le restanti 3,9 milioni di natura assistenziale (invalidità civili, indennità di accompagnamento, pensioni e assegni sociali). Se il totale degli assegni ha registrato un leggero calo (-1% sul 2015), in controtendenza sono state solo le “anzianità/pensioni anticipate” - 4,3 milioni (+7%) - e le “invalidità civili” (non subordinate alla presenza di contributi o di anzianità lavorativa sono poco più di 3 milioni, +6% sul 2015). La nuova quota 100, dunque, potrebbe dare un ulteriore slancio alle pensioni anticipate, che vedono il prevalere degli uomini tra i beneficiari (78% del totale) e importi medi degli assegni di poco superiori ai 1.660 euro al mese....
 
Leggi tutto

VENTURE CAPITAL. Vola nel 2018 l’ecosistema delle scaleup italiane

Inchieste
In occasione della quarta edizione di ScaleIT, l'evento-piattaforma nato per favorire l'incontro fra i venture capital e le migliori aziende innovative dell'Europa Sud orientale, sono stati presentati i dati che fotografano l'andamento boom della raccolta di finanziamenti e il grande contributo offerto dagli investitori internazionali. Al 15 ottobre di quest'anno, come ha confermato Lorenzo Franchini, fondatore di ScaleIT, alle imprese tech di Italia, Spagna, Grecia, Bulgaria e area balcanica, è andato complessivamente oltre un miliardo di euro; il contribuito della Penisola è di 420 milioni di euro, e di questi ben 283 milioni provengono da fondi e operatori esteri. Numeri che certificano un salto in avanti poderoso rispetto al 2017, quando la raccolta totale si chiuse intorno ai 110 milioni di euro, e che si specchiano nei botti registrati da Moneyfarm, con il round da 46 milioni del maggio scorso, e dall'insurtech Prima Assicurazioni, che ha chiuso nei giorni scorsi un finanziamento da circa 100 milioni di euro a firma di Goldman Sachs e Blackstone....
 
Leggi tutto

Cina, il Pil del terzo trimestre sconta gli effetti dei dazi Usa e frena a +6,5%

Inchieste
I rischi sistemici paventati dalle autorità di Pechino non sono mai stati così vicini dopo che l'Ufficio nazionale di statistica ha rivelato la frenata del Pil del terzo trimestre a +6,5% annuo, vale a dire la crescita più lenta dal primo trimestre 2009, sotto il +6,6% atteso e il +6,7% di aprile-giugno. Su base congiunturale, la crescita è dell’1,6%, in linea con le previsioni della vigilia e meno dell'1,8% del trimestre precedente. Si tratta del dato più debole dai tempi della grande crisi finanziaria del 2009 ed è anche il conto, salato, dell'effetto dazi americani. Lo yuan ha ceduto altri 112 punti base sul dollaro dopo che la Banca centrale cinese ha fissato la parità bilaterale a 6,9387, al livello più basso dal 4 gennaio2017: il renminbi, in mattinata ha fatto segnare un onshore rate di 6,9415 (+0,07%) e un offshore di 6,9432 (+0,09%)....
 
Leggi tutto

Brexit, nulla di fatto: l’accordo si incaglia sui confini irlandesi

Inchieste
Da deadline a deadlock: da scadenza definitiva a punto morto. I media internazionali ironizzano così sull’ennesimo stallo nei negoziati della Brexit, il divorzio fra Regno Unito e Ue al via - teoricamente - il 29 marzo 2019. Il Consiglio europeo che si è appena chiuso a Bruxelles avrebbe dovuto imprimere un’accelerazione decisiva ai negoziati. È successo il contrario: l’unica novità emersa dalla due giorni è l’ipotesi, diffusa tra i leader europei, di allungare di un anno il periodo di transizione fissato dall’accordo originale (dal 2018-2020 a, forse, il 2018- 2021). I margini di manovra sono così vaghi che i rappresentanti Ue hanno deciso di lasciare in standy by il summit speciale del 17-18 novembre, in attesa di capire se ci siano gli elementi per confermare l’incontro. Nel frattempo restano sul tavolo tutti i punti più caldi del divorzio, a partire dalla questione dei confini irlandesi: la stessa impasse che ha arenato l’accordo interno alla maggioranza di May e sta creando ancora più tensioni con l’Europa. La sterlina è scivolata ai minimi da 10 giorni dopo il flop del Consiglio....
 
Leggi tutto

The ECB May End its Negative Interest-Rate Policy in 2020

Internazionale
The European Central Bank will end its negative interest-rate policy in January 2020 and start paying for deposits eight months after that, according to a Bloomberg survey of economists. Liftoff is predicted for September next year, and the deposit rate is seen climbing to 0.25 percent, from minus 0.4 percent currently, by the end of 2020. No change in monetary policy is predicted at the Governing Council’s meeting on Thursday. Policy makers took a big step this month toward scaling back unprecedented stimulus, reducing monthly asset purchases to 15 billion euros ($17 billion). With the program set to be capped at 2.6 trillion euros at year-end, interest rates have moved back to the center of attention. ...
 
Leggi tutto

The stock market is overdue for a one-day 5% or 10% plunge: Mark Hulbert

Internazionale
CHAPEL HILL, N.C. — The Dow Jones Industrial Average could drop more than 5,700 points in Friday’s trading session. Impossible, you say? Think again. On Oct. 19, 1987 — 31 years ago today — the Dow DJIA, -1.27% plunged 22.6%. It was the worst stock-market crash in U.S. history. An equivalent percentage drop today would cause the Dow to skid more than 5,700 points. To be sure, just because the stock market could suffer a similar fate doesn’t mean it is likely. But most investors don’t even acknowledge that it’s possible. They’re kidding themselves. Consider a study conducted several years ago called “Institutional Investors and Stock Market Volatility” by Xavier Gabaix, a finance professor at Harvard University, and three scientists at Boston University’s Center for Polymer Studies: H. Eugene Stanley; Parameswaran Gopikrishnan, and Vasiliki Plerou. After analyzing decades of stock-market history, in both the U.S. and other countries, the authors devised a formula that predicts the frequency of stock-market crashes over long periods of time....
 
Leggi tutto

Half of Americans with this credit card regretted getting one

Internazionale
Some 88% of households with an annual income of $100,000 have had one of these cards Next time the cashier at the checkout counter suggests signing up for a credit card to get extra savings, you may want to hold off. Nearly half (47%) of Americans who have held a store credit card have regretted their choice to get one, according to a survey of 1,500 people conducted by LendingTree TREE, -2.08% subsidiary CompareCards. And wealthy Americans were most likely to get a store card — and regret it. A staggering 88% of households with an annual income of $100,000 or more have had a store card at some point, compared with 75% of the general population. And 58% of these consumers regretted their decision....
 
Leggi tutto

Nel 2018 raddoppiati i siti di polizze false

Tecnologia
Continua la proliferazione dei siti pirata nel settore assicurativo. Dopo casi sporadici del 2015 e del 2016,nell’ultimo biennio il fenomeno sta diventando quasi virale. Giusto per dare un’idea, mentre stiamo scrivendo questo articolo c’è giunta in redazione la segnalazione dall’Ivass di altri tre siti farlocchi scovati dall’Authority. Questa volta si chiamano www.genialitaly.com, www.admiraassicurazionionline.com e www.assicurazione-airone.it. Il copione è sempre il medesimo, si clonano nomi noti per fare cadere in trappola consumatori che vanno su internet in cerca di risparmiare sulla polizza obbligatoria Rc Auto....
 
Leggi tutto

Nell’estate del 2018 è esploso il traffico in 4G. Vodafone lo ha dimostrato con i dati di una partita di calcio

Tecnologia
L’estate del 2018 da poco conclusa ha segnato una svolta nell’uso del cellulare da parte degli utenti, con una vera e propria impennata del traffico dati con connessione a 4G (quella attualmente di migliore qualità). È emerso dalla conferenza stampa di Vodafone per la presentazione della nuova rete a 4,5G in partenza da domenica 21 ottobre, che supera la soglia di 1 Gigabit al secondo e di fatto anticipa il 5G. “Questo nuovo modo di fruire i contenuti – prosegue Rossini – si accompagna a una tecnologia che fa progressi, con smartphone sempre più veloci e più potenti. Anche il piccolo schermo diventa sempre più grande, proprio perché viene sempre più usato per la visione di video”. Non è un caso che, sempre secondo i dati forniti da Vodafone, il consumo di video sui due principali social network (i nomi non sono stati specificati ma uno è con ogni probabilità Facebook) sia cresciuto in maniera considerevole....
 
Leggi tutto

Airbnb estende in Italia l’offerta Plus di case di design

Tecnologia
In febbraio, a San Francisco è stato annunciato il lancio di Airbnb Plus , una nuova categoria disponibile sulla piattaforma - si legge in una nota - che offre ai viaggiatori unaselezione di case verificate secondo criteri di comfort, qualità e design . Ad otto mesi dal lancio, i mercati in cui Airbnb Plus è disponibile sono più che raddoppiati ma è l'Italia il Paese che ha registrato i riscontri più positivi, sia in termini di numero di annunci, cresciuti del 120% dal lancio ad oggi, che in utilizzo del servizio, con un +60% registrato nel numero di prenotazioni tra il secondo e il terzo trimestre. Roma e Milano in particolare sono protagoniste della crescita anche a livello internazionale: Milano si distingue per il tasso di crescita (+86%), mentre Roma insieme a San Francisco, Sydney, Melbourne e Barcellona rientra tra i mercati con l'offerta più alta. A questi due primi mercati si è da poco aggiunta Firenze e sono prossime al lancio Venezia, Torino, Bologna, Napoli ma anche la campagna Toscana, la Sicilia, la Costiera amalfitana e la provincia di La Spezia....
 
Leggi tutto

It's official: Apple sends out invitations for the new iPad event on October 30

Tecnologia
Apple will launch new products in Brooklyn, New York on October 30. Apple launched new iPhones and Apple Watches last month, so analysts expect Apple to launch new iPad Pros and MacBook laptops at this month's event. Apple could also launch AirPower, the wireless charger for iPhones that is supposed to come out in 2018. Apple has sent invites for a launch event this month in New York City. Apple is expected to launch new iPads and potentially laptops at the Howard Gilman Opera House in Brooklyn, New York on October 30. Apple doesn't usually launch new products in New York, often opting for a venue closer to its home base in Cupertino, California. Last month, Apple revealed new iPhones and Apple Watches, so analysts and rumors have pointed to a launch event focusing on new iPad Pro models and potentially new Mac computers. We're expecting:......
 
Leggi tutto

OF MIGLIOR BANCA 2018/ Conto Low Cost

Cover Story
Sono conti correnti a spese limitate che abbinano a una operatività ridotta e a voci di costo contenute per chi privilegia operare online, anche un buon numero di servizi aggiuntivi, meglio se extra bancari. E’ questa la ricetta che ha permesso a OF Osservatorio Finanziario di elaborare la classifica OF Miglior Conto Low Cost del 2018. Frutto di un’analisi che mixa elementi di indagine qualitativi a criteri di tipo quantitativo. Ecco allora che, come per la classifica dedicata al Miglior Conto Completo, anche in questo caso è stata utilizzata, per l’analisi di ciascun conto corrente, una simulazione quantitativa ipotetica di utilizzo (OFISC) che calcola il costo annuo del conto nell’ipotesi di un utilizzo medio. E che include il costo del canone annuo, una carta di debito e una carta di credito, 12 accrediti dello stipendio, 9 prelievi da altri istituti effettuati in area Sepa, 10 bonifici online verso altre banche, 1 bonifico allo sportello verso altre banche e 1 estratto conto cartaceo. L’analisi degli aspetti qualitativi, invece, ha messo a confronto i servizi associati al conto corrente, come iniziative di loyalty e sconti su altri prodotti, e quelli di carattere extra-bancario. Ne è emerso che il Miglior Conto Corrente Low Cost del 2018 è Conto Fineco di Fineco Bank che unisce ai bassi costi di gestione anche un nutrito numero di servizi aggiuntivi....
 
Leggi tutto

Banche, l'imponibile per il Fisco sale di 9 miliardi nel 2019

Economia
Gli operatori di mercato stanno lavorando alla manovra presentata dal governo per capire meglio l'effetto sui bilanci delle banche sul fronte delle tassazioni e dell'uso della deducibilità per le perdite pregresse. Due elementi che hanno permesso al sistema di sopravvivere dopo la crisi del debito del 2011. In base ad alcuni esperti di bilanci bancari interpellati da milanofinanza.it, alcuni calcoli possono già essere fatti, anche se si attende una quadro più specifico in materia. Il concetto di base è che la manovra prevede di incassare dalle banche 3,3 miliardi di tasse per gli investimenti a livello nazionale che dovrebbero corrispondere, in base alle aliquote Ires e Irap, ad una base imponibile che si allargherà, solo nel 2019 (in base ai dati di bilancio degli istituti di credito del 2017), di 9 miliardi di euro in più. Nel frattempo, la deduzione delle Dta (Deferred Tax Asset, sono le imposte anticipate) legate a perdite su crediti, che fino ad ora avvenivano nell'anno fiscale in corso, saranno spalmate, pare, in un arco di 10 anni. Con la conseguenza che le banche dovranno pagare di più subito imposte correnti, mentre la possibilità di dedurre le perdite pregresse viene di molto allungata....
 
Leggi tutto

La Sky di Comcast già a caccia di prede in Nord e Est Europa

Economia
Il nuovo corso a Sky è iniziato all’insegna della continuità. Comcast ha appena ricevuto la girata delle azioni di Rupert Murdoch (un pacchetto che vale il 39% del capitale), ma già nella settimana che inizia il 5 novembre è attesa la visita di Brian Roberts, ceo e azionista di riferimento dell’operatore Usa. Roberts farà tappa a Londra, Monaco e Milano per prendere contatto con le province europee dell’impero appena conquistato a suon di miliardi, mercati che Comcast - finora concentrata negli Usa - non conosce. Tant’è che, pragmaticamente, Roberts ha deciso di confermare la fiducia all’attuale management guidato da Jeremy Tarroch per il prossimo biennio. Anche perché gli americani sono convinti che l’elevato prezzo pagato per rilevare Sky (17,28 sterline per azione, circa 30 miliardi di valorizzazione cmplessiva) sia giustificato alla luce del piano triennale già in corso...
 
Leggi tutto

Astaldi, sì al concordato. Cda al lavoro su piano coi creditori

Economia
Il Tribunale di Roma ha accettato la richiesta di Astaldi di concordato in continuità aziendale. La domanda era stata presentata poco più di due settimane fa ed ora, secondo quanto riferito da fonti finanziarie, è arrivato il via libera dei giudici. Un sigillo che permette di dare avvio alle trattative per costruire un piano di ristrutturazione dell’azienda. A supervisionare il gruppo di costruzioni tre commissari: Stefano Ambrosini, Vincenzo Ioffredi e Francesco Rocchi. Si è appena chiuso il consiglio di amministrazione: i manager hanno preso atto della decisione del Tribunale. Nel pomeriggio erano circolate voci su un possibile scossone: sebbene il consiglio rimanesse in carica (solo la Legge Marzano prevede lo scioglimento), alcuni rumor riferivano di board member tentati dall’ipotesi di dimissioni. Scenario che non si è verificato, anzi: il cda è stato unanime nell’approvare il concordato e andare avanti con il piano di accordo coi creditori. Per Paolo Astaldi un passo avanti decisivo verso il salvataggio della sua azienda....
 
Leggi tutto

Borse europee in calo, lo spread torna a crescere

Affari Personali
Seduta in calo per le Borse europee. Milano inverte la rotta dopo una partenza positiva e termina in calo dell'1,33%, appesantita anche dai rischi (poi smentiti) di una bocciatura della manovra da parte della Commissione evocata dal commissario Oettinger, con i titoli industriali come Cnh e Fiat Chrysler tra i più venduti. In rosso anche le altre: Londra scende dello 0,07%, Parigi perdelo 0,54%, mentre Francoforte cede lo 0,52%. I listini avevano inizialmente beneficiato del buon traino di Wall Street, ma oggi la Borsa americana ritraccia significativamente: alla chiusura degli scambi in Europa il Dow Jones cede lo 0,67%, lo S&P500 perde lo 0,57% e il Nasdaq lo 0,55%. Acquisti su Netflix dopo i conti. Bene anche Tokyo, che ha terminato gli scambi a +1,29%. In Europa dura poco la tregua per lo spread. Dopo una partenza al ribasso torna a salire e cresce fino a 307 punti con il rendimento del Btp decennale che schizza oltre il 3,5%. Sul fronte dei cambi resta invece debole l'euro, scambiato a 1,1541 dollari....
 
Leggi tutto

L’incertezza pesa sui fondi italiani

Affari Personali
La categoria Morningstar dedicata ai fondi che investono nell’azionario italiano nell’ultimo mese (fino all’16 ottobre e calcolato in euro) ha perso quasi il 6,9% portando a -9% circa la perfromance da inizio anno. Risultati in linea con quelli dell’indice Morningstar Italy. A condizionare l’andamento del mercato continua a essere lo scenario politico incerto che alimenta le vendite. Il costante scontro tra i due Vice-premier del governo Conte (Salvini e Di Maio) e diverse istituzioni sia europee (Commissione UE) che italiane (Banca d’Italia) ha portato lo spread tra BTp e Bund sopra quota 300 punti base. La questione verte attorno al Documento di economia e finanza presentato dall’esecutivo giallo-verde. Il deficit è fissato al 2,4% del Pil il prossimo anno (contro l’1,6% precedentemente previsto), con un percorso di riduzione già programmato per i prossimi due anni (2,1% nel 2019, 1,8% nel 2020). “La manovra, con le sue tendenze espansive, non sembra fuori contesto in questa fase storica”, spiega Michele Morra, Portfolio manager di Moneyfarm. “Molti dei governi europei sceglieranno di alleviare gli effetti dell’austerity attraverso maggiori spese fiscali: lo farà la Francia, che ha annunciato un massiccio programma di tagli fiscali, e anche il governo britannico ha espresso questa volontà una volta risolta la grana Brexit”....
 
Leggi tutto

Quanto è esposto il mio fondo passivo ai bond italiani?

Affari Personali
La finanziaria 2019 del governo italiano ha innervosito i mercati. La coalizione formata da Lega e Movimento 5 Stelle, arrivata al potere con la promessa di un programma di spesa pubblica extra, ha approvato una sostanziale revisione al rialzo dell’obiettivo di deficit del 2019 al 2,4% del Pil: tre volte più alto dello 0,8% concordato dai governi precedenti con la Commissione europea. Gli obiettivi di deficit per il 2020 e il 2021 sono del 2,1% e dell’1,9% rispettivamente. Dire che le istituzioni Ue siano deluse sarebbe un understatement. I rendimenti dei bond italiani, in salita da quando il governo populista si è insediato, hanno fatto un altro balzo, alimentando la preoccupazione riguardo a un confronto aperto fra Roma e i partner del’Eurozona che potrebbe trasformarsi in un’altra crisi sistemica per la moneta unica. Fino ad ora ci sono stati pochi segni di un contagio. Lo spread fra i Bund tedeschi e i BTp italiani sì è allargato, ma anche quello fra Spagna e Italia. Questo indica che gli attori dei mercati finanziari hanno concentrato le pressioni di vendita solo sul Belpaese, considerando il rischio crescente – inevitabile per qualcuno – che il rating sui governativi italiani venga abbassato. Al momento, l’Italia ha un giudizio di due gradi superiore a non investment grade da parte delle tre maggiori agenzie di rating (S&P, Moody’s e Fitch)....
 
Leggi tutto

SONDAGGIO GESTORI. Mercati, il sovranismo non piace: grandi investitori pronti a vendere a Londra e a Milano

Affari Personali
Nonostante le quotazioni a sconto il rischio politico continua a tenere lontani i grandi investitori dalla Borsa di Milano. Il 25% dei grandi gestori europei che hanno partecipato all’ultimo sondaggio Bank of America Merrill Lynch ha dichiarato di essere pronto a ridurre l’esposizione sul mercato azionario italiano nel 2019. Un peggioramento rispetto al mese di settembre quando il 20% degli intervistati aveva dato questa risposta. Su tutti gli altri mercati continua a prevalere un favore maggiore. Oltre il 20% dei gestori intervistati ha infatti dichiarato di voler aumentare l’esposizione sul mercato tedesco e su quello spagnolo. L’unico altro mercato azionario da cui i grandi gestori hanno dichiarato di voler vendere è il Regno Unito. In questo caso la quota di investitori che ha dichiarato di voler disinvestire è pari al 40 per cento. Un primato negativo che si giustifica con l’incertezza sull’esito delle trattative sulla Brexit tra Regno Unito e Unione europea....
 
Leggi tutto

La tecnologia ora fa soffrire gli Usa

Affari Personali
Sono settimane difficili per chi investe sul mercato americano. La categoria Morningstar dedicata ai fondi che puntano sui large cap blend Usa nell’ultimo mese (fino al 15 ottobre) ha perso il 4,87% in euro (-5,2% in dollari). Quella che si concentra sull’equity growth si è lasciata per strada il 5,48% (-6,13%). Quella riservata ai value è scesa del 4,16% (4,82%). E’ andata peggio ai fondi mid cap (-7,06% in euro, -7,7 % dollari) e small cap (-8,96 e -9,31%). L’indice Morningstar US market in quattro settimane ha perso il 5,13% (-5,78% in valuta Usa)....
 
Leggi tutto

Piovan centra l’Ipo: dopodomani il debutto sul listino principale di Piazza affari

Affari Personali
Piovan annuncia che Pentafin spa, in qualità di azionista venditore, e la Società, sentiti i coordinatori dell'offerta Goldman Sachs e UniCredit, hanno deciso di anticipare la chiusura del periodo di offerta relativo al collocamento istituzionale delle azioni della Società poste in vendita, riservato ad investitori qualificati in Italia e investitori istituzionali all'estero , e finalizzato alla quotazione delle azioni su mercato Mta e, ricorrendone i presupposti, sul segmento Star. Il prezzo di offerta è stato fissato in 8,30 euro per azione (la forchetta di prezzo era fra 8,30 e 10,10 euro) che corrisponde a una capitalizzazione della società pari a 423 milioni, al netto delle azioni proprie. La data di avvio delle negoziazioni delle azioni è fissata per il 19 ottobre 2018....
 
Leggi tutto

Assicurazioni in rivolta contro l'acconto anticipato

Affari Personali
Una mazzata alla luce del sole e una nascosta. Per le assicurazioni italiane il decreto fiscale si annuncia assai punitivo. Tanto è vero che il presidente delle Generali, Gabriele Galateri di Genola, si è sentito in dovere di parlare a nome di tutto il settore. «Bisogna trattare questi argomenti con la dovuta attenzione perché siamo uno degli assi portanti del sistema nazionale», ha detto ricordando che «attraverso la nostra attività noi diamo sicurezza agli individui, diamo sostenibilità - anche economica - alle aziende, investiamo nel mercato cifre colossali, quindi bisogna fare molta attenzione a trattare questi argomenti con la dovuta attenzione». Per ora l'unica certezza, scritta nero su bianco sul Documento programmatico di bilancio, è l'aumento dell'acconto d'imposta sui premi assicurativi che salirà al 75% nel 2019, al 90% nel 2020 e al 100 per cento nel 2021 e gli anni successivi. Oggi è invece previsto al 59% nel 2019 e al 74% nel 2020. La modifica del regime fiscale dovrebbe portare un maggiore incasso di un miliardo che inevitabilmente si tradurrà in un aggravio di costo delle polizze....
 
Leggi tutto

CAPIRE IL MATTONE. Come si evolve il retail? Più vie dello shopping, meno centri commerciali

Affari Personali
In pipeline numerose aperture di shopping center, necessari e di successo solo se moderni, innovativi e luoghi dove fare “esperienze”. Il mix cambia a favore del food e dei servizi, meno fashion. Gli investitori non mancano ma sono più cauti. (video)...
 
Leggi tutto

OfNews

Ottobre 2018. I migliori conti correnti, mutui, prestiti

Continuano i rincari, e questa volta tocca ai conti delle banche online che rispetto a giugno 2017 hanno aumentato il costo medio del 102%. Le banche tradizionali, invece, puntano sui conti modulari, ...

Leggi tutto

Ottobre 2018. Le migliori assicurazioni

La nuova direttiva europea rivoluziona il mondo delle assicurazioni. Ma cosa cambierà veramente? Compagnie e intermediari, come le banche che operano nel comparto della bancassurance, si stanno prepar...

Leggi tutto

Ottobre 2018. Hi-Tech & banche. I Migliori del Bimestre

Banca Sella permette di dialogare con Google Home e di chiedergli saldo e movimenti. Dall’estero arriva Yolt, l’app voluta da ING Group per controllare i conti che il cliente ha presso le proprie banc...

Leggi tutto

Fabrick: sta arrivando un nuovo modello di banca

La banca si apre all’innovazione. In gergo tecnico si chiama “open banking” e implica una collaborazione con le startup e le nuove società fintech. L’obiettivo? Creare nuovi servizi ad alto contenuto ...

Leggi tutto

OfMiglior Conto Pmi 2018

Leggi tutto

Il futuro della web TV

Netflix, Sky, Amazon & co. E’ iniziata la guerra dello streaming TV

E’ un mercato che vale miliardi. Netflix, finora, ha avuto gioco facile, ma la concorrenza sta diventando sempre più agguerrita. Stanno nascendo servizi di TV digitale. Nuovi attori hanno annunciato i...

Leggi tutto

Il futuro della web TV: ecco cosa guarderemo

Netflix si è aggiudicata registi premio Oscar (i fratelli Coen), scrittori e sceneggiatori pluripremiati (la Shonda Rhimes di Grey’s Anatomy) e presentatori TV tra i più importanti degli USA (David Le...

Leggi tutto

La TV del futuro? Si mimetizza, è intelligente e…

Da Samsung arriva il televisore che si confonde con l’ambiente, si accende e si spegne da solo, e controlla gli oggetti connessi che ci sono in casa. Panasonic punta sulla TV intelligente. Sony, invec...

Leggi tutto

Migliore App finanza

Le migliori app per la finanza: lo scenario

Leggi tutto

Le migliori app per le assicurazioni

Leggi tutto

Speciale investimenti

Azioni (2018): come portare a casa il 6-8%

Leggi tutto

Quanto paga la liquidità?

Leggi tutto

@of_osservatorio

Contatti

Of Osservatorio finanziario

OfNews è una realizzazione di Of Osservatorio finanziario. Leggi Privacy Policy.

Visita il sito